“Immagini e pensieri iconici”, arriva l’11esimo Festival della Bellezza

Annunciata l'XI edizione del Festival della Bellezza, un unicum a livello nazionale con appuntamenti in scena in luoghi simbolo del patrimonio storico-artistico italiano dal VI secolo a.C. al '900.

Festival della Bellezza 2024 - La presentazione al Teatro Romano
Festival della Bellezza 2024 - La presentazione al Teatro Romano

Annunciata stamattina al Teatro Romano di Verona l’XI edizione del Festival della Bellezza, un unicum a livello nazionale con appuntamenti in scena in luoghi simbolo del patrimonio storico-artistico italiano dal VI secolo a.C. al ‘900.

In programma 41 eventi, tra giugno e ottobre, che ruoteranno intorno al tema “Immagini e pensieri iconici“. Apertura il 3 giugno a Villa Medici a Roma con la lectio di Melania Mazzucco “Scandalo. Il femminile nell’arte tra rappresentazione e percezione”, in collaborazione con l’Accademia di Francia a Roma.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE SU EVENTI, CULTURA E SPETTACOLI

«Quest’anno – dice il direttore artistico Alcide Marchioro – ci aggireremo tra pensieri e immagini intorno a cui prende forma e senso la vita, quell’immaginario da cui, coi suoi rimandi simbolici, discende il reale. Dall’inventiva concettuale e narrativa di figure come Platone, Gesù, Nietzsche e Freud a quella di grandi artisti che si sono espressi attraverso significanti e poetici segni visivi o sonori. Nell’idea del Festival di unire riflessione a percezione, saremo in contatto diretto con alcune di queste opere iconiche come i Templi di Selinunte, l’Ultima Cena di Leonardo, i tagli di Fontana e come quelle di Michelangelo, Palladio, Portaluppi, Scarpa, Burri in cui è emblematica la fusione tra l’idea e la forma, tra il mentale e la sua estetica trasposizione materiale e sensoriale. La Bellezza come simbolo dei simboli».

Guarda le interviste

LEGGI ANCHE: DDL Autonomia, arriva il via libera della Camera: è legge

I luoghi

Concepito intorno all’idea di “arte nell’arte”, il Festival incrementa le sedi e sarà presente in 21 luoghi simbolo della nostra tradizione culturale, dal mondo classico (Templi di Selinunte, Grotte di Catullo), attraverso opere medievali, rinascimentali (come l’Ultima Cena di Leonardo) e settecentesche (come il Teatro Bibiena), fino a icastiche opere novecentesche come Il Vittoriale e il Cretto di Burri.

Dopo l’apertura a Villa Medici a Roma, come da tradizione l’itinerario partirà da Verona e avrà nel Veneto un territorio d’elezione: il Teatro Romano di Verona sarà la sede principale degli eventi che andranno dalle sponde del Lago di Garda, nella cinquecentesca Villa Guarienti di Brenzone a Punta San Vigilio, al grande saloneaffrescato del medievale Palazzo della Ragione di Padova, al Memoriale Brion, capolavoro di Carlo Scarpa tra modernismo e filosofie orientali.

Memoriale Brion
Memoriale Brion

Altri appuntamenti in ville e giardini storici, settecenteschi, a Villa Mosconi Bertani e a Villa Guerrieri Rizzardi a Negrar di Valpolicella. In questa edizione è previsto un percorso tra le opere più celebri di Palladio con eventi al Teatro Olimpico e alla Basilica Palladiana e, per la prima volta, a Villa La Rotonda a Vicenza e a Villa Barbaro affrescata da Paolo Veronese.

Un luogo centrale delle riflessioni sarà Milano, con rifermento al Quattrocento e al Novecento, secoli in cui fu tra le capitali internazionali di arte e cultura: oltre che al Cenacolo Vinciano, il Festival proporrà eventi al Castello Sforzesco, al Museo Poldi Pezzoli, a Villa Necchi Campiglio di Portaluppi e alla Sala Fontana dell’Arengario.

Gli ospiti di quest’anno

  • Melania Mazzucco
  • Alessandro D’Avenia
  • Sonia Bergamasco
  • Roberto Vecchioni
  • Massimo Recalcati
  • Stefania Auci
  • Federico Buffa
  • Morgan
  • Lella Costa
  • Aldo Cazzullo
  • Umberto Galimberti
  • Antonio Caprarica
  • Arianna Porcelli Safonov
  • Flavio Caroli
  • Alessandro Bergonzoni
  • Igor Sibaldi
  • Barbara Stefanelli
  • Giordano Bruno Guerri
  • Beppe Severgnini
  • Stefano Massini
  • Guia Soncini
  • Aldo Grasso
  • Massimo Cacciari
  • Chiara Gamberale
  • Matteo Garrone

LEGGI ANCHE: Verona nelle top 200 università al mondo per parità di genere

La presentazione al Teatro Romano

LEGGI ANCHE: Idee per l’ex Seminario di San Massimo: svelate le tre proposte vincitrici

Programma su “Immagini e pensieri iconici”

L’anteprima con Melania Mazzucco anticipa una serie di riflessioni letterarie, filosofiche, storiche e artistiche su personaggi, idee e opere iconiche da parte di alcuni dei maggiori protagonisti della scena culturale italiana, in cui si intrecciano avventure, intuizioni, suoni, racconti e riflessioni di personaggi come Ulisse, Leonardo, Michelangelo, Eleonora Duse, Madame Bovary, i Beatles, Bjorn Borg e John McEnroe, Jim Morrison, JFK, Franco Battiato, Fabrizio De André, Roberto Baggio, Janis Joplin, Lucio Dalla, Pinocchio.

Figura iconica per eccellenza, quella di Gesù: Umberto Galimberti ne parlerà in rapporto a Platone e Nietzsche a Villa Barbaro, Massimo Recalcati in rapporto a Freud e Igor Sibaldi come personaggio dai tratti ellenistici al Teatro Romano di Verona. La sua figura epocale apparirà anche in molte altre riflessioni, come in quella di Flavio Caroli al Cenacolo Vinciano su “L’iconico Leonardo” e nelle riflessioni in luoghi spirituali come il Cretto di Burri e il Memoriale Brion. D’arte parleranno anche Vittorio Sgarbi con racconti e riflessioni su Michelangelo e Canova al Teatro Romano e Massimo Cacciari su Leon Battista Alberti e Palladio a Villa La Rotonda; Aldo Grasso parlerà dell’iconografia del Novecento alla Sala Fontana dell’Arengario.

Arianna Porcelli Safonov (al Teatro Romano e al Castello Sforzesco di Milano), Lella Costa (al Teatro Romano), Stefano Massini (al Teatro Bibiena), Sonia Bergamasco (al Vittoriale e ai Templi di Selinunte) e Alessandro Bergonzoni (al Castello Sforzesco) proporranno eventi inediti, monologhi teatrali e lectio, ideati rispetto ai contesti e al tema del Festival. Guia Soncini al Palazzo della Ragione di Padova, Stefania Auci a Villa Necchi Campiglioe Chiara Gamberale al Teatro di Verzura di Villa Guerrieri Rizzardi rifletteranno su iconiche figure letterarie, Alessandro D’Avenia racconterà di Ulisse e dell’Odissea come poema del venire alla luce, del farsi vivi a sé stessi, in autentici luoghi classici, come i Templi di Selinunte e il Teatro Romano, e al Castello Sforzesco.

L’iconografia contemporanea è dovuta soprattutto ai grandi fenomeni popolari della nostra epoca: la musica, la politica, lo sport, il cinema.

Al Festival si esibiranno al Teatro Romano cantautori di diverse generazioni: da un artista di culto come Roberto Vecchioni a Vasco Brondi e Ermal Meta. Federico Buffa al Teatro Olimpico di Vicenzaracconterà l’estro geniale di Lucio Dalla, che sarà tra i protagonisti anche della prima nazionale al Teatro Romano dello spettacolo musicale di Paola Turci e Gino Castaldo sul “triennio magico” della canzone, dal ‘79 all’81, con capolavori di Battiato, De André, Vasco Rossi, De Gregori, Bennato, Pino Daniele, Guccini, Battisti, Fossati. Morgan, a Villa Mosconi Bertani, proporrà una lezione-concerto su icone del rock come Elvis Presley, Dylan, Jim Morrison, Lennon, Jimi Hendrix, Lou Reed, Janis Joplin. 

Antonio Caprarica e Vittorio Emanuele Parsi a Villa Guarienti di Brenzone, Aldo Cazzullo a Villa Mosconi Bertani, Giordano Bruno Guerri alle Grotte di Catullo e Barbara Stefanelli al Museo Poldi Pezzoliracconteranno di personaggi e movimenti politici entrati nel mito, da Giulio Cesare, Napoleone, Garibaldi, Elisabetta II, Churchill, alle attuali ragazze iraniane. Beppe Severgnini, alla Basilica Palladiana, racconterà della squadra del cuore come icona identitaria dell’immaginazione, Paolo Bertolucci, a Villa Guarienti di Brenzone, parlerà di miti del tennis, icone di stile fuori e dentro il campo, soprattutto nei suoi anni ‘70.

Di immagini, scene e narrazioni iconiche nel cinema parlerà al Teatro Romano Matteo Garrone in un appuntamento su ispirazione e stile del suo cinema d’arte.

Teatro Romano di Verona - Festival della Bellezza
Teatro Romano di Verona – Festival della Bellezza

Chi non potrà vivere l’emozione di assistere dal vivo agli eventi nei magnifici contesti, potrà comunque vedere estratti degli appuntamenti pubblicati su canali Instagram, Facebook e YouTube; sono previste oltre 20 milioni di visualizzazioni dei video, il Festival è quello italiano con più follower su Instagram.

I biglietti degli appuntamenti sono disponibili sui circuiti Ticketone e Verona Box Office (online e punti vendita).

Info e aggiornamenti su www.festivalbellezza.it e sui canali social Facebook e Instagram del Festival.

Ricevi (gratis) il Verona Eventi

Scopri tutti gli eventi e spettacoli della settimana a Verona e provincia!
Esce il mercoledì

CLICCA QUI PER RICEVERLO GRATUITAMENTE!