Il soprano Hui He porta le arie più note del repertorio italiano in Cina

La straordinaria Hui He, soprano cinese con Verona nel cuore, ha cominciato due giorni fa la tournée in Cina, nella città di Zhuhai, proponendo il suo cavallo di battaglia "Vissi d'arte" da Tosca e molte altre fra le arie più note del repertorio italiano.

La stagione 2020/2021 del soprano cinese Hui He, dopo il mancato debutto in Alzira all’ABAO Bilbao, si è aperta con il suo ritorno in Cina e con un tour di concerti iniziato nella città di Zhuhai il 19 dicembre alle 19.30 nel, Huafa Grand Theatre – Zhuhai Opera House, uno degli esempi architettonici più straordinari della Cina moderna. 

LEGGI ANCHE: Hui He, il primo concerto dopo il lockdown è per Verona

La città di Zhuhai si trova nella regione del Guangdong, nel Sud della Cina, ed è considerata come una delle città con la più alta qualità di vita, grazie all’impegno nello  sviluppo dell’ecologia e delle tecniche per preservare l’ambiente. L’Huafa Grand Theatre,  opera degli architetti Long Ma e Kevin Zhang è sorto nel 2017 in una delle 217 isole che compongono la città di Zhuhai (detta per questo “città delle perle”), e con la sua forma  rappresenta il sole che brilla con dietro la luna in entrata. La sala che può ospitare 1600  spettatori è dotata di una delle migliori acustiche al mondo e di effetti visivi e possibilità  tecniche tra le più avanzate.  

Per il suo debutto in questo teatro, Hui He ha proposto un programma di ampio respiro, tra cui alcuni dei suoi cavalli di battaglia, come “Vissi d’arte” da Tosca, “La mamma morta” da  Andrea Chénier, “Suicidio” da La Gioconda e molte altre celebri arie dal più amato repertorio italiano. La serata vedrà anche alcuni estratti strumentali eseguiti al pianoforte da Yang He, come l’intermezzo da Cavalleria Rusticana e la Parafrasi su Rigoletto di Franz Liszt. Perle della  serata saranno le due arie cinesi che chiudono la prima e la seconda parte del concerto, “Pamir, how beautiful is my hometown” e “I love this land”.  

Questo tour di concerti che vedrà poi la cantante successivamente a Shanghai, Nanjin, Pechino (Concerto di Capodanno), Guangzhou, Xi’an (dove sarà anche Turandot per due recite il 15 e 17 gennaio), Xiamen, Wuhan e Suzhou è diventato da tre anni a questa parte una tradizione, che richiama moltissimo pubblico, che accorre per applaudire la voce che dalla Cina ha conquistato l’occidente. Quest’anno l’appuntamento assume anche una forte connotazione simbolica, come racconta la stessa Hui He: «Abbiamo vissuto un momento molto difficile, e non possiamo dire di averlo superato del tutto o senza dolori. Per questo motivo per me ritornare nella mia patria e cantare per il mio popolo assume un valore  fortissimo. Non avrei mai voluto perdere questo appuntamento che ormai si è fissato tra me  e il pubblico della mia terra, e non vedo l’ora di essere su questi palcoscenici per poter  donare con la mia voce un po’ di serenità e speranza, e per poter vivere insieme agli  spettatori un momento di condivisione. Noi artisti facciamo un mestiere che nasce dalla  passione e ora più che mai questo nostro amore per l’arte deve servire per trasmettere  messaggi di positività. Mi sento un’ambasciatrice dell’opera lirica in Cina e sono orgogliosa di portare questa grande arte al pubblico cinese». 

LEGGI ANCHE: La storia di Hui He, artista da record