Il Film Festival della Lessinia ha una nuova casa

Si tratta di un appartamento che il Comune ha messo a disposizione dell’associazione che organizza la rassegna cinematografica internazionale dedicata a vita, storia e tradizioni in montagna. Avviata anche una raccolta fondi per la ristrutturazione.

Il Film Festival della Lessinia ha trovato una nuova casa a Bosco Chiesanuova. Alla sede istituzionale e all’archivio storico, presso gli uffici del Parco naturale della Lessinia, si aggiunge uno spazio nell’edificio comunale che ospita la scuola dell’infanzia del paese, in via Farinata degli Uberti.

«Si chiamerà Casa del Festival ed è un appartamento che il Comune di Bosco ha reso disponibile con regolare procedura ad evidenza pubblica per dieci anni al Film Festival della Lessinia», spiega Renato Cremonesi, presidente dell’associazione che organizza la rassegna cinematografica internazionale dedicata a vita, storia e tradizioni in montagna. Ospiterà un ufficio organizzativo operativo tutto l’anno e una foresteria con due camere, due bagni, cucina e salotto a disposizione del team del Festival, dei volontari, degli ospiti dei progetti artistici, didattici e di residenza. Il Festival si dota dunque di uno spazio organizzativo e di ospitalità stabile che rafforza il suo legame con Bosco. «Al sindaco Claudio Melotti, alla giunta che ha assegnato in comodato d’uso gratuito questo spazio fino al 2032 – continua –, la gratitudine del Film Festival della Lessinia e di tutti i suoi partner, sostenitori e amici».

«L’amministrazione comunale ha messo a disposizione questo appartamento perché il Film Festival della Lessinia, che rappresenta la manifestazione culturale e turistica più importante dell’anno, non solo possa essere ancor più radicato in Lessinia e a Bosco Chiesanuova ma per soddisfare una concreta esigenza di spazi, sia per la gestione operativa della manifestazione che per il contenimento dei costi dell’ospitalità degli artisti», dichiara il sindaco di Bosco Chiesanuova, Claudio Melotti

Allo stesso tempo, prosegue, «consente all’amministrazione di manutenere una parte del patrimonio pubblico che non veniva utilizzato. Non potrebbe esserci nome più indicato di Casa del Festival, dato che ospiterà in pianta stabile un ufficio organizzativo che diverrà vitale per la sostenibilità della rassegna. E perché, pur non essendoci commistione coi locali dell’asilo, il fatto che la casa del Festival della montagna sorga a fianco del luogo dove si formano i cittadini del domani è profondamente simbolico». 

L’appartamento che ospiterà la Casa del Festival è in buono stato di conservazione e già servito di tutte le utenze. Necessita tuttavia di restauro, cioè di piccoli lavori edili da realizzare per adattarlo alle esigenze del Festival, e dev’essere fornito di arredi. In particolare sarà necessario intervenire su bagni, pavimenti e cucina; inoltre si dovranno procurare e installare alcuni nuovi sanitari, le porte interne e poi i mobili,  elettrodomestici e apparati tecnici. Infine gli ambienti dovranno essere resi ancora più ospitali con dell’oggettistica.

La casa

Concluse le pratiche burocratiche e l’acquisizione delle autorizzazioni, il cantiere sarà inaugurato subito dopo l’edizione 2022 del Film Festival della Lessinia, in programma dal dal 19 al 28 agosto. «Il team del Film Festival della Lessinia sta lavorando per un’edizione di rinascita», anticipa il direttore artistico del Film Festival della Lessinia, Alessandro Anderloni. Il programma cinematografico si preannuncia tra i più ricchi di sempre: «Con un concorso rinnovato, riscoperte cinematografiche d’epoca, omaggi tematici, rinnovati spazi per incontri letterari ed esposizioni, attenzione sempre maggiore a tematiche e pratiche ecologiche, nuove collaborazioni con realtà enogastronomiche e produttive locali». La Piazza del Festival tornerà ad essere il cuore della manifestazione, conclude Anderloni: «Un Festival aperto a tutti e a tutte, da vivere in serenità».

Il costo dell’intervento complessivo è stimato in circa 25mila euro (IVA esclusa). Per reperire queste risorse, il Film Festival ha avviato una campagna di raccolta fondi e donazioni di materiali rivolta ad aziende e privati, all’associazione degli “Amici del Festival” e a tutti coloro che vorranno unirsi a questa cordata di sostenitori. «Abbiamo stilato una “lista nozze” -, conclude Cremonesi, – un elenco dei lavori da eseguire, materiale e arredi da reperire e chiediamo ai nostri amici e sostenitori di “adottare” una delle voci di spesa o con una donazione liberale al Festival oppure, alle aziende e ai professionisti, con una donazione di manodopera e di materiale».

Per aderire all’iniziativa, si può scrivere all’indirizzo amicidelfestival@ffdl.it e specificare quale delle voci di spesa, o parte di esse, “adottare”. Una volta avuta conferma che quella voce non è ancora stata coperta da altri sostenitori, versare il corrispettivo con una donazione liberale sul conto corrente: IT 80 R 08011 89220 000025100123 intestato a Film Festival della Lessinia con causale «Erogazione liberale per progetto Casa del Festival». 

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv