“Grande Teatro”: in programma anche Pierfrancesco Favino

Apre il 6 novembre con la produzione della Compagnia Umberto Orsini “Copenaghen” e si concluderà il 17 marzo con Giuseppe Battiston in “Churchill” la 33° edizione del Grande Teatro di Verona. Tra gli attori che calcheranno il palco del Teatro Nuovo: Pierfrancesco Favino, Eros Pagni e Alessio Boni.

Mai come quest’anno il Grande Teatro porta a Verona le migliori produzioni teatrali del panorama nazionale, con attori italiani tra i più amati dal pubblico. La 33° edizione della rassegna organizzata dal Comune e dal Teatro Stabile, si apre il 6 novembre e Umberto Orsini, Pierfrancesco Favino, Eros Pagni, Alessio Boni sono solo alcuni dei grandi nomi del teatro italiano che calcheranno il palco del Teatro Nuovo; trentotto serate in cui le opere classiche si alterneranno a quelle contemporanee, per una proposta di qualità in grado di soddisfare un pubblico il più vasto possibile.

Invariati, anche per la stagione 2018/2019, i prezzi di biglietti ed abbonamenti (unica eccezione il monologo con Favino), per premiare la fedeltà del pubblico affezionato e incentivare quello giovane. II cartellone è stato presentato oggi dall’assessore alla Cultura Francesca Briani, insieme al direttore artistico della rassegna Gianpaolo Savorelli e al direttore del Teatro Stabile di Verona Paolo Valerio.

“Verona non può che essere orgogliosa di ospitare una delle rassegne più apprezzate del panorama teatrale italiano, con una gamma di grandi attori che sono felici di debuttare nella nostra città – afferma l’assessore Briani -. Per il secondo anno il Comune collabora con il Teatro Stabile, proprio quest’anno promosso dal Ministero dei Beni e le Attività Culturali a “Centro di produzione teatrale”. Un riconoscimento che riconosce il valore del Teatro Nuovo, anche per il servizio pubblico che svolge per la diffusione della cultura”.

“Siamo una delle poche città ad avere in cartellone il monologo di Pierfrancesco Favino – ha detto Valerio -, una produzione ambita che ha scelto il nostro Teatro proprio per la qualità delle rassegne proposte”.

Queste le rappresentazioni in programma:
“Copenaghen” di Micheal Frayn, dal 6 all’11 novembre; “La Locandiera” con Amanda Sandrelli, dal 20 e 25 novembre; “I Miserabili” tratto dal romanzo di Victor Hugo dal 4 al 9 dicembre; “La Guerra dei Roses” con Ambra Angiolini e Matteo Cremon dal 15 al 20 gennaio; “La notte poco prima delle foreste” con Pierfrancesco Favino dal 29 gennaio al 3 febbraio; “Don Chisciotte” con Alessio Boni dal 12 al 17 febbraio; “Salomè” di Oscar Wilde dal 26 febbraio al 3 marzo; “Churchill” con Giuseppe Battiston dal 12 al 17 marzo.

La rassegna è realizzata con il contributo di Unicredit, azienda vinicola Santi e Agsm. Tutte le informazioni su spettacoli, abbonamenti e biglietti sul sito www.ilgrandeteatro.comune.verona.it e al numero 045-8006100.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.