Fotografia del falso, al via l’1 settembre il Festival Grenze

Torna dall'1 al 26 settembre la quinta edizione del Festival Grenze Arsenali Fotografici con mostre ed eventi ad ingresso gratuito. La location dell'esposizione sarà il Bastione delle Maddalene a Veronetta.

grenze

Torna il Festival Grenze-Arsenali Fotografici, il festival internazionale di fotografia giunto alla quinta edizione, organizzato in collaborazione con Assessorato alla Cultura, Turismo e Rapporti con l’UNESCO, con il coinvolgimento del Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri e dell’Ufficio Conservazione e Valorizzazione Sito UNESCO e Cinta muraria magistrale del Comune di Verona.

Scatti di autori nazionali e internazionali che indagano il tema del falso e la sua manipolazione fotografica nelle sue declinazioni. Torna, dall’ 1 al 26 settembre, il festival di fotografia diffuso Grenze, circuito espositivo che si sviluppa tra il Bastione delle Maddalene e varie location del quartiere di Veronetta per raggiungere il Lazzaretto dove saranno esposti gli artisti emergenti.

Il logo della quinta edizione

Nel programma della quinta edizione, mostre di artisti provenienti da Giappone, Sudafrica, Serbia, Austria e Catalogna che si aggiungono alle esposizioni di fotografi italiani. La proposta è stata curata dal docente IUSVE e critico d’arte Simone Azzoni, e della fotografa e docente Francesca Marra, affiancati da un team giovane e dinamico di studenti e appassionati di fotografia. Per tutta la durata del festival vengono inoltre proposti eventi collaterali, conferenze, workshop e laboratori.

Il festival è realizzato in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune, con il coinvolgimento del Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri e l’ufficio Conservazione e Valorizzazione Sito Unesco e Cinta muraria di Verona. È sostenuto dallo IUSVE, dalla Fondazione Zanotto, Fimauto e Coldiretti Verona.

Tutte le informazioni sul sito del festival  www.grenzearsenalifotografici.com

LEGGI ANCHE: Alcolici ai minori, chiusa una discoteca in zona est di Verona

L’evento è stato presentato oggi dall’Assessora alla Cultura, Turismo e Rapporti Unesco del Comune di Verona Marta Ugolini. Presenti all’incontro Simone Azzoni e Francesca Marra della direzione artistica di Grenze e il responsabile conservazione e valorizzazione Sito Unesco e Cinta muraria magistrale Ettore Napione.

«Verona si apre ancora una volta all’internazionalità e ospita una serie di mostre realizzate da autori provenienti da tutto il mondo– commenta l’assessora alla Cultura –. Sarà quindi un evento che permetterà a chi rientra dalle vacanze di assistere ad una serie di mostre, eventi e momenti informativo-divulgativi che permetteranno di approfondire, comprendere e gustare appieno il linguaggio fotografico con un tema, quello del falso, davvero interessante».

«Una collaborazione triennale avviata lo scorso anno con Grenze  – dice Ettore Napione– per valorizzare il Bastione delle Maddalene, luogo emblematico con una particolare vocazione ad ospitare la fotografia. Il festival internazionale si adatta perfettamente al clima multiculturale e vivace della zona di Veronetta. Come storico dell’Arte ritengo il tema del falso davvero molto intrigante».

LEGGI ANCHE: Aggressione ai marocchini in festa a Verona, identificati 13 militanti di estrema destra

«La fotografia come inizio di un dubbio sulla veridicità di ciò che osserviamo è il filo conduttore del festival che vuole smascherare il falso per raggiungere una coscienza della manipolazione delle immagini – spiega il direttore artistico Azzoni –. Un tema attuale affrontato attraverso una serie di contributi che danno continuità alla vocazione internazionale e formativa del festival».

«Ringraziamo tutti i partner che collaborano con noi e permettono la realizzazione del festival – ha detto Marra-. Bello il coinvolgimento degli studenti, un team di giovani che aggiunge entusiasmo al progetto».

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM