Fondazione Aida, parte il crowdfunding per sostenere il teatro dei ragazzi

E’ iniziata su GoFundMe la campagna di crowdfunding promossa da Fondazione Aida. L’obiettivo è raccogliere i fondi necessari per proseguire con lo sviluppo tecnologico di Teatro Onlife: la piattaforma digitale per bambini che offre un’esperienza di teatro interattivo.

Con l’emergenza sanitaria in corso i teatri, così come tanti altri spazi di aggregazione e cultura, hanno chiuso lasciando un grandissimo vuoto. Teatro Onlife è un progetto che vuole essere una valida e strutturata alternativa allo spazio fisico del teatro, un nuovo modo di fare e beneficiare di questa forma d’arte, con gli spettatori al centro. Anche quando i teatri riapriranno. 

Il progetto rappresenta una scommessa che il Teatro Ragazzi lancia nel coniugare tre soggetti differenti: l’attore con la sua azione performativa e pedagogica, il pubblico, in particolare il pubblico dei ragazzi, inclusi i bambini con disabilità, e il sistema digitale. La scommessa consiste nel mantenere vivo e costante il denominatore che fa dello spettacolo dal vivo un evento irripetibile e interattivo, creando nuova affluenza di pubblico, attraverso l’incontro su una piattaforma digitale dedicata.

LEGGI ANCHE Fondazione AIDA, Sartori: «Proseguiamo lavorando su linee parallele»

Fondazione Aida ha già sviluppato una prima piattaforma software specifica che è stata sperimentata a novembre e sarà fruibile anche durante le festività, dal 25 al 27 dicembre, con lo spettacolo Babbo Natale e la neve che non c’è.  Tuttavia, per proseguire con lo sviluppo tecnologico del progetto e perfezionare le potenzialità interattive, Fondazione Aida ha organizzato una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe. 

L’obiettivo della campagna è quello di raccogliere la cifra necessaria, 15mila euro, per realizzare la fase successiva: potenziamento della piattaforma web che ospiterà i diversi server, creazione di spazi virtuali, completamento delle funzionalità principali (dette “core”) di Teatro Onlife e, infine, creazione di altri due strumenti funzionali del prodotto quali la app per i bambini e la piattaforma editoriale.

La app permetterà agli spettatori, bambini e ragazzi con genitori e nonni, di interagire durante lo spettacolo (con emoj, con disegni prestabiliti ecc). La piattaforma editoriale online permetterà a registi e attori di  creare lo spettacolo nello spazio virtuale con grafiche, sfondi e suoni, programmazione di effetti visivi e sonori (andremo ad animare i diversi spazi virtuali) oltre che la messa in onda della storia nel giorno e orari stabiliti dal palinsesto, esecuzione dello storyboard e gestione in tempo reale dell’interazione con i bambini.

LEGGI ANCHE Il Natale di Fondazione Aida trasporta i bimbi in uno spazio alternativo

Per realizzare questa fase verrà selezionato un team di progettazione composto da un regista teatro ragazzi, uno psicologo dell’infanzia, un illustratore infanzia, un web designer, un sistemista e un coordinatore organizzativo. Con lo sviluppo di queste tecnologie Teatro Onlife potrà di nuovo andare in scena con una veste nuova e tecnologie molto più avanzate e interattive.

Teatro Onlife diventerà un’attività permanente,
una struttura che andrà a integrarsi alla programmazione teatrale più tradizionale. Se la campagna raggiungerà l’obiettivo, il team inizierà a lavorarci a fine marzo 2021 mentre in estate vi sarà la fase di sperimentazione. Gli spettacoli di Teatro Onlife saranno fruibili dal pubblico a partire dalla stagione teatrale 2021/2022: le rassegne per le famiglie vedranno l’alternarsi di spettacoli in presenza ed eventi Onlife ai quali potrà partecipare una platea molto più vasta.

«Teatro Onlife – spiega Meri Malaguti, direttore generale – è un modo nuovo e innovativo di esperienza teatrale per i bambini. Non si sostituisce all’esperienza in presenza. Si integra ad essa e sarà l’occasione per rispondere alle esigenze di digitalizzazione che la contemporaneità ci chiede, in maniera controllata e vigile attraverso gli strumenti del teatro, che da quasi quarant’anni la nostra istituzione restituisce al pubblico».