Epifania in musica a Grezzana, dai classici a Michael Jackson

GREZZANA – Attesa per il tradizionale concerto della <link=’http://www.bandagrezzana.it’ class=’_blank’>Banda Cittadina di Grezzana</link> che domenica 6 gennaio tornerà a calcare la scena del Teatro Valpantena con le note del "Concerto di Epifania" arrivato quest’anno ad uno storico traguardo: l’evento sarà infatti l’apertura dell’anno 2013 che per la banda di Grezzana coincide con i festeggiamenti per il novantesimo anniversario di fondazione.

Attesa quindi anche per scoprire come festeggerà l’ensemble di Grezzana questo storico traguardo.
Per il momento, tutti pronti per il concerto del 6 gennaio, in programma dalle ore 20:45 ad ingresso libero.

Protagonisti, oltre alla Banda e al Maestro Dario Tosolini, anche il Gruppo Majorettes di Grezzana e gli Allievi della Scuola di Musica della Banda. Aprirà il repertorio <italic>The Liberty Bell</italic> di John Philip Sousa, seguita dalla celeberrima <italic>Un Americano a Parigi</italic> di George Gershwin.
Repertorio poi vario con <italic>Virginia</italic> di J. De Haane e <italic>I dream a dream</italic> di C.M. Schonenberg resa celebre in questi anni dalla strepitosa voce di <link=’http://www.youtube.com/watch?v=RxPZh4AnWyk’ class=’_blank’>Susan Boyle</link>.

Emozioni in successione poi con <italic>You Raise Me Up</italic> e <italic>My Heart will go on</italic>. Quest’ultima vi farà tornare alla mente le onde del mare che solcò l’epico Titanic, essendo stata parte principale della colonna sonora del film di James Cameron.
Con Over The Rainbow, uno dei pezzi più "coverizzati" della storia. Bellissima la versione reggae hawaiiana realizzata da Israel "IZ" Kamakawiwo che molti ricorderanno nel film "Cinquanta volte il primo Bacio".

Chiusura con <italic>Blue Moon</italic> di Richard Rodgers, classicone da innamorati, prima del frizzante Glen Miller Medley sonorità appositamente studiata per le Big Band di fiati, come appunto la Banda di Grezzana.
Chiude una versione imperdibile di <italic>Thriller</italic> di Rod Temperton ma ovviamente portata al successo da Michael Jackson.

Un repertorio quindi estremamente vario e moderno, assolutamente da non perdere.
Altre informazioni su <link=’http://www.bandagrezzana.it’ class=’_blank’>www.bandagrezzana.it</link>

Matteo Bellamoli