“Da Verona accendiamo la musica”, dal 2 al 6 settembre

Questa mattina si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della Settimana della Musica, la settimana di eventi musicali che si terranno all'Arena di Verona dal 2 al 6 settembre.

Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa di presentazione della Settimana Italiana della Musica, che si terrà all’Arena di Verona dal 2 al 6 settembre.

Una settimana di eventi che hanno come obiettivo una raccolta fondi a sostegno dei lavoratori del mondo dello spettacolo, che hanno subito le conseguenze di questo periodo di stop a eventi e concerti a seguito dell’emergenza Covid-19.

Ad aprire il sindaco Federico Sboarina: «Ringrazio per questa presentazione della Settimana della Musica a Verona. Abbiamo deciso di mettere a disposizione l’Arena per trasmettere un messaggio di ripartenza, anche ai lavoratori della musica che più di tutti sono stati colpiti da questa pandemia». A seguito di una settimana ulteriormente complicata dall’emergenza maltempo, «la musica ci aiuterà ancora di più a ripartire perché attraverso musica, immagini e spettacolo, si riconquisti quel pizzico di ottimismo fondamentale per andare avanti in una situazione di questo tipo», conclude il Sindaco.

Prosegue Gianmarco Mazzi, Direzione Generale e Artistica Arena di Verona: «In questa ripartenza c’è un simbolismo, tutta la comunità della musica si ritrova all’Arena di Verona, luogo di massima stabilità». E dichiara: «Faccio una piccola anticipazione, da domani martedì 1° settembre parte il nuovo sito arenalive.t, per costruire una narrazione social dal punto di vista di spettatori ed eventi».

La parola passa quindi a Stefano Coletta, direttore di Rai 1. «Ci tenevo a ringraziare tutti coloro che, con grande impegno e lena, hanno messo la loro professionalità al servizio della realizzazione di questo evento. È un evento che trasmette – a me come operatore del settore e immagino anche al pubblico – la gioia di poter ripartire. Il bello di quest’evento – continua Coletta – è che arriva in un momento particolare di incertezza, in cui nessuno di noi sa a cosa andremo incontro, ma la fruizione dell’arte è una quota di grande normalità nella vita di ciascuno di noi. A questa settimana veronese dovremo affidare anche una nota di coraggi: penso spesso – conclude Coletta – a una canzone di Fiorella Mannoia, “Il peso del coraggio”. Riascoltarla fa bene al cuore, perché da l’idea che ci siano dei valori, passione e onestà, da perseguire perché fanno bene a noi e agli altri».

Segue Claudio Pasulo, vicedirettore di Rai 1: «Tutto l’intrattenimento di Rai 1 fa perno sulla musica, il centro intorno al quale si articola tutta l’attività, che non si è fermata nemmeno durante il lockdown. Tengo al fatto che tutto questo riparta dall’Arena di Verona, uno dei nostri palchi principali che ci ha dato la possibilità di mettere in scena l’esibizione di Diodato, a maggio per gli Eurovision. Un evento che è stato un fulmine a ciel sereno e che ha permesso di far conoscere a tutti la musica italiana».

Interviene Antonio Marano, Presidente di Rai Pubblicità: «Do il merito alla parte editoriale della Rai di aver avuto il coraggio di ripartire organizzando la Settimana della Musica. La musica batte ma deve battere anche il Paese, è un modo per dimostrare che bisogna investire e non fermarsi, creando brand integration».

Seguono i conduttori Carlo Conti e Vanessa Incontrada. Conti afferma: «Verona è per me come una seconda casa. Vengo con uno spirito costruttivo, i Seat Music Awards rappresentano la ripartenza ed è giusto che avvenga su Rai 1 e dall’Arena di Verona.

«Con la Settimana della Musica – prosegue Conti – vogliamo aiutare i lavoratori dello spettacolo, tutti i ragazzi che lavorano dietro le quinte. Voglio sottolineare che tutti i cantanti partecipanti saranno i primi a dare un contributo».

Vanessa Incontrada sottolinea che «è un anno dove non ci sono premi, quest’anno più che mai la protagonista è la musica. Sarà una novità anche il palcoscenico centrale, che sarà una novità per tutti, per noi, per gli artisti presenti e per il pubblico a casa».

Nek, che il 6 settembre alle 16 presenterà lo speciale Seat Music Award – Viaggio nella musica, dichiara: «Sono molto emozionato di essere qui in questa veste nuova, sono sempre stato in tv da ospite. Stare dall’ altra parte è emozionante, è curioso mettersi alla prova. Ringrazio Claudio Pasulo e Paola Marchesi, Direttore di Rai 2, che hanno creduto in me, sto lavorando con un  grande team e ce la sto mettendo tutta. Sarà un grande onore per me essere al servizio della musica e dei grandi nomi che saliranno sul palco».

“Da Verona accendiamo la musica”, tutti gli appuntamenti

A dare il via i Seat Music Awards, il 2 e il 5 settembre: un progetto artistico e sociale lanciato da Music Innovation Hub Spa – Impresa Sociale (MIH), organizzato e prodotto da Friends&Partners, Live Nation e Vivo Concerti, in collaborazione con Arena di Verona Srl e Gianmarco Mazzi e con i contributi di Vertigo e Magellano.

Oltre ai Seat Music Awards, nella settimana “Da Verona accendiamo la musica”, sono previsti anche altri appuntamenti: quello con la Partita del Cuore, il 3 settembre in diretta su Rai 1 dallo Stadio Marcantonio Bentegodi di Verona, con la conduzione di Carlo Conti, e Heroes, il primo concerto nato e pensato per lo streaming, in programma domenica 6 settembre, a partire dalle ore 19.00 all’Arena di Verona, che vede tornare sul palco oltre 40 artisti.