Con Nabucco in Arena inizia un fine settimana di stelle

Dopo le prime rappresentazioni stagionali del 25 giugno e del 1° luglio, torna in Arena una delle opere più celebri e patriottiche di Verdi.

Nabucco in Arena, giovedì la terza rappresentazione stagionale.
Nabucco in Arena, giovedì la terza rappresentazione stagionale.

Torna giovedì sera alle 21 in Arena Nabucco, giunto alla sua terza rappresentazione stagionale. Una produzione di ampio respiro storico e cinematografico di Arnaud Bernard, che colloca la vicenda negli anni del Risorgimento. Il Maestro Daniel Oren dirigerà Orchestra e Coro areniani, l’applaudito cast sarà composto da Płonka, Simoncini, Di Sauro, Ceriani, Bosi, Zizzo e due debutti tra cui il protagonista Roman Burdenko e il basso polacco Rafał Siwek come Zaccaria. Nel fine settimana sfileranno sull’immenso palcoscenico areniano Anna Netrebko, Yusif Eyvazov, Clémentine Margaine, Vittorio Grigolo, Ambrogio Maestri e molti altri.

Verdi, con il suo senso del teatro e i suoi cori immortali, diventò negli anni ’40 dell’Ottocento la colonna sonora del Risorgimento italiano: solo poche volte l’intento patriottico delle sue composizioni fu esplicito come La Battaglia di Legnano. Ma all’origine di tutto vi fu il coro degli Ebrei deportati e ridotti in schiavitù dagli Assiri raccontato in Nabucco: sulle rive del fiume Eufrate, pensando al natio Giordano, levano il celebre e dolente canto Va’ pensiero, diventato simbolo di un popolo e di un momento storico preciso. È da questo collegamento che parte la drammaturgia di Arnaud Bernard per il Nabucco areniano: in scena, disegnata da Alessandro Camera, piazze sconvolte da battaglie e barricate, saloni dove si decidono i confini dei popoli, teatri dove oppressi ed oppressori si riconoscono sul palcoscenico.   

Dopo l’applaudito debutto come Amonasro, il baritono Roman Burdenko interpreta il re assiro Nabucodonosor per la prima volta in Arena. Nello schieramento opposto, all’atteso esordio stagionale, il basso Rafał Siwek veste i panni di Zaccaria, pontefice degli Ebrei. Con loro il cast della prima: il tenore Samuele Simoncini e il mezzosoprano Francesca Di Sauro sono rispettivamente Ismaele e Fenena. Il Gran Sacerdote di Belo è il baritono Nicolò CerianiAbdallo è Carlo Bosi, la giovane Anna Elisabetta Zizzo. Nel titanico ruolo di Abigaille, figlia di Nabucco che ne usurperà il potere, è il soprano polacco Ewa Płonka.

L’Orchestra della Fondazione Arena e il Coro preparato da Ulisse Trabacchin sono diretti dal Maestro Daniel Oren, in questo allestimento di ampio respiro storico, cinematografico e meta-teatrale, richiedente centinaia di mimi, figuranti e Tecnici. Le prossime rappresentazioni si terranno il 10, 23, 29 luglio, il 18 agosto e il 3 settembre.

LEGGI ANCHE: I controlli della velocità a Verona dal 15 al 21 agosto

Nabucco incornicia un fine settimana di stelle, aprendolo e chiudendolo con il medesimo cast domenica 10 luglio: venerdì 8 luglio è infatti atteso il debutto di Anna Netrebko come protagonista di Aida per la prima volta in Anfiteatro, al fianco di Eyvazov, Margaine e Maestri, mentre sabato 9 luglio è la volta della prima replica de La Traviata con Minasyan e Grigolo, entrambi i titoli nelle produzioni di Franco Zeffirelli.

Fondazione Arena di Verona desidera esprimere il proprio speciale ringraziamento a tutti gli sponsor che hanno confermato il loro prezioso contributo a sostegno della Fondazione e del suo prestigioso Festival. In primis Unicredit, da oltre 25 anni a fianco del nostro teatro, che si riconferma major partner del Festival e gestore della Biglietteria insieme a TicketOneUn grande ringraziamento va ai partner CalzedoniaPastificio Rana, Volkswagen Group ItaliaDB BAHNRTL 102.5 e una menzione speciale va anche a tutte le aziendegli imprenditori, gli ordini professionali e le associazioni di categoria che hanno aderito alla campagna di fundraising 67 colonne per l’Arena di Verona 2022. Il progetto è stato insignito del 1° premio come miglior progetto di fundraising del 2021 nella VI Edizione del Concorso Art Bonus, indetto dal Ministero della Cultura. La cerimonia si è tenuta proprio nell’Anfiteatro veronese e ha ospitato tutti i finalisti del concorso nazionale.

Per informazioni e biglietti visitare il sito web o i canali social FacebookTwitterInstagram e YouTube.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv