L’Estate Teatrale Veronese si rifà il look (online)

L’Estate teatrale veronese è pronta ad aprire le porte del Teatro Romano e, in vista dei primi appuntamenti, ha deciso di rifarsi il look con un nuovo sito internet. Il direttore artistico, Carlo Mangolini, ci ha spiegato il perché di questo cambiamento e ci ha parlato degli ospiti in cartellone.

Carlo Mangolini
Carlo Mangolini

L’intervista al direttore artistico Carlo Mangolini

Carlo Mangolini, direttore artistico dell’Estate Teatrale Veronese, racconta il ricco calendario di quest’anno, il primo di effettiva normalità dopo due anni di limitazioni.

Quest’estate si torna a quell’agognata normalità, dopo un bel po’ di tempo. Ci sono tante belle novità, tra cui il nuovo sito.

Era da un po’ di anni che avevamo questo desiderio di fare un restyling al sito, che ormai appariva un po’ datato. Oggi come oggi il sito è il biglietto da visita di qualsiasi azienda e realtà, quindi volevamo realizzare un sito che rappresentasse lo spirito dinamico e moderno dell’Estate Teatrale Veronese. Siamo molto contenti del risultato, perché segue la linea grafica che avevamo individuato per la nostra realtà: vederla realizzata nel concreto è molto bello.

Il sito presenta anche contenuti che esulano un po’ dal tradizionale cartellone, proponendo anche interviste e contenuti inediti, giusto?

Esatto. Abbiamo realizzato delle interviste ad alcuni degli ospiti che saranno presenti durante la stagione, come Eleonora Abbagnato, Alessandro Preziosi e Natalino Balasso. Ci hanno voluto fare questo regalo e noi ne siamo estremamente contenti.

Cosa dovranno aspettarsi gli spettatori da quest’Estate Teatrale?

Siamo ripartiti da dove ci eravamo lasciati, nel 2019. Abbiamo dovuto fare i conti con un ritorno alla capienza piena, per cui sarà una platea importante che richiede artisti di altrettanto calibro. Siamo ripartiti da due protagonisti assoluti del Teatro Romano, Marco Paolini e i Momix, che presenteranno due omaggi al festival.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE SU EVENTI, CULTURA E SPETTACOLI

Guarda l’intervista su Radio Adige Tv


Si torna quindi sulle scene dopo due anni; com’è stato organizzare questa rassegna, pilastro estivo degli spettacoli veronesi?

Gli artisti hanno fin da subito manifestato tanta voglia ed entusiasmo di tornare sul palco e di salutare di nuovo il pubblico. Quindi è stato più facile degli altri anni, perché prima dovevamo fare i conti anche con limitazioni di ogni tipo. Quest’anno eravamo molto più liberi, e si può tornare a vivere aree molto grandi come il Teatro Romano. C’è grande voglia di aderire a progetti studiati e pensati come gli artisti. Tra i tanti cito Eleonora Abbagnato che porterà una serata esclusiva costruita apposta per il festival su Giulietta, il personaggio shakespeariano. Un altro spettacolo che va in questa direzione è quello di Alessandro Preziosi, che fino al 2024 farà ogni anno una rilettura dei personaggi shakespeariano. Quest’anno, per esempio, rileggerà un passo di Giulio Cesare dagli occhi di un personaggio minoritario, Marcantonio.

Avete già raccolto qualche feedback da parte del pubblico?

Abbiamo aperto le prevendite da pochi giorni e abbiamo già dei buoni riscontri. Essendo grandi protagonisti molto amati il feedback è stato positivo perché il pubblico ritrova quello che si aspetta. Chi fa il mio mestiere deve pensare a riagganciare il legame con gli spettatori. Con l’assessora Briani abbiamo deciso di ritornare a incontrare il pubblico, appunto, quindi ci siamo concentrati su artisti molto amati e conosciuti e facilmente identificabili con il Teatro Romano.

Ora tocca alla domanda più difficile: se dovessi consigliare alcuni spettacoli imperdibili di questa kermesse, quali suggeriresti?

In realtà mi viene facile, per equità citerò tutti quelli che non ho già detto (ride, NdR). Tra quelli che non ho citato c’è l’inaugurazione della stagione teatrale, l’1-2 luglio, con Franco Branciaroli. Menziono anche, per la sezione del settembre classico, il ritorno di un Natalino Balasso inedito che presenterà l’Iliade riscritta da Alessandro Baricco per la regia di Alberto Rizzi. Insomma, sul palco ci saranno tante eccellenze veronesi. Grandi protagonisti anche per la musica come Elio, Paolo Fresu, i Black Pumas e i Kings of Convenience.

LEGGI ANCHE: Elezioni Verona, estratto a sorte l’ordine dei candidati: ecco l’elenco

radio adige tv

👇 Ricevi il Daily! È gratis 👇

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP 👈
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM 👈