Baldo e Lessinia protagonisti nel nuovo docufilm di Quattrina

Il documentario "La Vita nella Pietra", dopo una presentazione in Senato a Roma, verrà proiettato in prima visione a Cerro Veronese sabato 13 gennaio, a Sant'Anna il 21 gennaio e a Erbezzo il 3 febbraio. Ingresso gratuito.

Le riprese del docufilm in contrada Zivelongo.
Le riprese del docufilm in contrada Zivelongo.

La Lessinia e il Baldo, due territori ricchi di storia e cultura, diventano il palcoscenico di un’avvincente esplorazione nel documentario “La Vita nella Pietra”. Questo film, ideato, scritto e diretto da Mauro Vittorio Quattrina, offre un’affascinante incursione nella storia, l’antropologia, la sociologia e la vita quotidiana montana, narrata attraverso le opere lapidee e murali del territorio.

Il regista Mauro Quattrina.

Prima nazionale e visione gratuita

Dopo la sua presentazione al Senato della Repubblica prevista per l’11 gennaio 2024, “La Vita nella Pietra” avrà la sua prima nazionale sabato 13 gennaio 2024, alle ore 20.30, presso il Teatro di Cerro Veronese. L’ingresso sarà libero e gratuito, un’occasione imperdibile per appassionati di arte, storia e cultura popolare. La proiezione viene presentata presentato nell’ambito del Festival Mescolanze/Premiere.

Un’immagine del backstage

Un’analisi profonda e multidisciplinare

Il documentario va oltre la semplice enumerazione di opere d’arte popolare, come colonnette, croci e nicchie votive, per analizzare il pensiero e la fede che hanno guidato la loro creazione. Attraverso questo viaggio, Quattrina esplora come eventi storici significativi, leggende locali e credenze popolari abbiano influenzato l’edificazione di queste opere, considerate a lungo di “arte povera”, ma ricche di significati profondi e specchio di espressioni interiori individuali e collettive.

Rivelazioni sorprendenti e percorsi emotivi

Interessante è l’approccio del regista che, nel suo 55° documentario, non solo si focalizza sull’aspetto artistico e culturale, ma anche su quello botanico. Il film rivela come l’uso di certe erbe e funghi potesse portare a allucinazioni, dando origine a credenze in creature mitiche e quindi alla costruzione di opere come capitelli a loro protezione.

Proiezioni future e dettagli tecnici

Dopo la premiere, il film verrà proiettato il 21 gennaio a S. Anna d’Alfaedo e il 3 febbraio a Erbezzo. Durata 75 minuti e girato in formati 4K, 2K e full HD, “La Vita nella Pietra” è narrato da Giulia Cailotto e vanta la partecipazione degli attori Andrea Toffaletti e Giovanni Erbisti.

Un Progetto sostenuto e apprezzato

Sostenuto da sponsor prestigiosi e patrocinato da numerosi comuni della zona, il documentario è una produzione dell’Associazione Culturale Storia Viva. Questo progetto non solo offre uno stimolo alla ricerca e alla divulgazione di una cultura regionale, ma si propone anche come un percorso turistico emozionale, valorizzando la bellezza dei luoghi ripresi.