Al via la Stagione 2012-13 del Teatro Ristori di Verona

VERONA – Fondazione Cariverona ha restituito ai Veronesi il Teatro Ristori, parte della storia della città da metà Ottocento in poi.
Il Ristori era abbandonato da decenni. È stato un lungo e complesso lavoro di recupero e restauro, firmato da Aldo Cibic, che ha permesso di realizzare uno spazio per la cultura tecnologicamente avanzato, dove l’ottocentesco edificio teatrale rivive valorizzato.
Questa “restituzione” è motivo di soddisfazione per tutti, in quanto l’attività culturale ha significativi e positivi riflessi sulla vita di una comunità, sia in termini di innalzamento del livello di civiltà che di crescita economica.

La prima Stagione si è articolata nel segno della Danza internazionale, di progetti speciali dedicati alla Musica, di collegamenti live con i grandi teatri internazionali, con risultati di pieno successo, avviando nel contempo collaborazioni con le grandi organizzazioni culturali della città. E, grazie agli impianti e attrezzature di cui è dotata e ai molteplici usi per cui è stato progettata, è una sala che ha già iniziato ad essere impiegata anche per attività congressuali e altri utilizzi (recente è stata, ad esempio, la presenza del Ministro Elsa Fornero, partecipando agli incontri del Festival della Dottrina Sociale tenutisi al Ristori).

Nella Stagione 2012-13 l’offerta culturale del Ristori si articola e si amplia (per il calendario completo si invita a scaricare l’allegato).

Il Teatro Ristori e la Fondazione Arena di Verona rinnovano anche per questa stagione la collaborazione, iniziata con l’inaugurazione del Teatro appena restaurato e con la prima italiana assoluta dello spettacolo Il Suono Giallo.
Al Ristori per questa Stagione la Fondazione Arena presenta un ciclo di quattro concerti sinfonici dedicati al periodo del “classicismo viennese” (Haydn, Mozart, Beethoven), mentre a febbraio è in scena l’opera barocca Dido and Æneas, del grande compositore inglese Henry Purcell.

Il Ristori accoglie nella sua sala la Stagione degli Amici della Musica di Verona, una fra le importanti associazioni concertistiche, dalla lunga storia ricca di successi.

Dal 14 al 17 marzo, rinnovando la collaborazione della scorsa primavera sarà sede della quinta edizione del Festival culturale di Scienze e Arti Infinitamente, ideato e realizzato dall’Università di Verona, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune e il Consorzio Verona Tuttintorno.
L’edizione, intitolata L’attrazione. Dall’uomo all’universo. I magnetismi della vita, sarà incentrata sui concetti chiave di attrazione, relazione e passioni.

Il Teatro Ristori, promuovendo gli obiettivi della Fondazione Cariverona, ha fin dalla sua prima Stagione avviato l’attività di formazione delle giovani generazioni.
Gli innovativi progetti musicali hanno riempito di studenti il Teatro, aiutandoli a comprendere la musica, tutta la musica, sia il genere cosiddetto classico che gli altri generi.
Quest’anno, grazie alla presenza degli artisti e dei complessi della Fondazione Arena di Verona, il Teatro Ristori sviluppa, in collaborazione con quanto già realizza la Fondazione Arena di
Verona nell’area della formazione, un progetto didattico che include anche le prove generali aperte.
In collegamento al ciclo sinfonico il Teatro Ristori organizza degli incontri rivolti ai docenti, per la preparazione in classe dei ragazzi all’ascolto delle musiche in programma.

Rinnovo Abbonamenti: dal 22 al 26 ottobre, in Teatro, Via Ristori 7, tel. 045 693.000 e al Box Office, via Pallone 12/a – tel. 045.8011154
Nuovi Abbonamenti: dal 31 ottobre, sempre in Teatro e al Box Office
Biglietti Singoli: dal 12 novembre. Oltre che in Teatro e al Box Office, anche alla FNAC (via Cappello, 34/38 – tel. 045 8063867); alla Biglietteria dell’Arena, via dietro Anfiteatro 6/b – tel. 045 8005151 e in numerosi altri punti vendita, incluse le filiali Unicredit.
L’elenco completo in www.teatroristori.org.

La Redazione