A Verona la mostra “Wunderkammer”

Spazio Qui, nuovo spazio dedicato all’illustrazione e alla creatività nel quartiere di Quinzano a Verona, presenta la sua prima mostra, con opere di artisti e illustratori veronesi.

wunderkammer
New call-to-action

Sarà inaugurato il 3 e 4 febbraio in via Nuova 17 il nuovo “Spazio Qui”, che presenterà la sua prima mostra con opere di artisti e illustratori veronesi, dal titolo “Wunderkammer: esposizione di mirabilia quotidiane”.

Le Wunderkammer, letteralmente “camera di meraviglie”, sono archivi di stranezze, di oggetti preziosi, di reperti archeologici, botanici o religiosi. È un fenomeno curioso perché ha assunto connotazioni e definizioni diverse, accompagnando il nascente pensiero scientifico prima e la cultura enciclopedica poi, l’esplorazione del mondo ma anche l’ostentazione di un posizionamento economico e sociale. Al loro significato artistico, storico e museologico, le Wunderkammer uniscono il valore di collezione privata, con un sostrato emotivo e personale, grazie al quale affascinano ancora oggi.

La mostra è dedicata alle Camere di meraviglie, nell’accezione di un rapporto con l’arte come frequentazione quotidiana: arte che accompagna, tessendo un dialogo con il tempo e gli oggetti che la circondano e da cui prende significato. Le opere sono di artisti e illustratori veronesi, Iva Recchia, Anna Dietzel, Radiocomandero, Erika Bendazzoli Och, Alice Rovetti, Cyrano Comics.

Una delle sezioni è, come di dovere, dedicata alla botanica. Negli oli su carta di Iva Recchia, il dato realistico e descrittivo è però ridotto al minimo, in favore invece del gesto pittorico (Intreccio verde, L’acqua e la notte, 2020), e di una visione ironica e immensamente possibilista della realtà (Attenzione, 2009). Elementi botanici e faunistici, sono ripresi anche dai disegni dell’artista Alice Rovetti, che ruotano attorno al tema della perdita, ma anche della bellezza di quello che rimane, per concludersi con le tavole di Anna Dietzel, illustratrice e fumettista che si è fatta apprezzare per le ambientazioni oniriche e l’uso totalizzante del colore.

I poster dell’illustratore e street artist Radiocomandero, microcosmi brulicanti di energia con riferimenti spesso ad opere letterarie e alla mitologia, fanno da collegamento alla seconda sezione della mostra, in cui prendono il sopravvento le ambientazioni e i paesaggi.

Cyrano Comics, tra i più longevi gruppi di autoproduzione in Italia che raggruppa fumettisti e aspiranti tali di Verona e provincia, espone alcune tavole a colori, e infine l’illustratrice Erika Bendazzoli Och azzarda corrispondenze su tempera che giocano con il linguaggio dei sogni, tra simbologia e nonsense, come nell’opera “Clic il dado è tratto” (2022).

Ricevi (gratis) il Verona Eventi

Scopri tutti gli eventi e spettacoli della settimana a Verona e provincia!
Esce il mercoledì

CLICCA QUI PER RICEVERLO GRATUITAMENTE!