A Tarmassia è tornata la Sagra de l’Anara Pitanara

Dopo due anni di stop a causa pandemia, la manifestazione è tornata in piazza San Giorgio. E fino a martedì 13 settembre proporrà un ricco programma di appuntamenti con l’enogastronomia, la tradizione, la cultura e l’impegno sociale. E tante specialità culinarie, tra cui le tradizionali lasagne con l’anara.

L'Anara Pitanara in Piazza San Giorgio a Tarmassia.
L'Anara Pitanara in Piazza San Giorgio a Tarmassia.

Un taglio del nastro accompagnato da un vero e proprio show. È stata inaugurata, ieri sera, la 14^ Sagra de l’Anara Pitanara di Tarmassia. Dopo due anni di stop a causa pandemia, la manifestazione è tornata in piazza San Giorgio. E fino a martedì 13 settembre proporrà un ricco programma di appuntamenti con l’enogastronomia, la tradizione, la cultura e l’impegno sociale. E tante specialità culinarie, tra cui le tradizionali lasagne con l’anara.

Ad aprire le danze è stato il corpo bandistico ‘Vincenzo Mela’ di Isola della Scala, assieme ai Trampolieri di Fenice Show Events e Bardamu. La serata è proseguita con il Celentano tribute show di Maurizio Schweizer. Ospite d’eccezione Dante Alighieri, per l’apertura della mostra dedicata al Sommo Poeta, organizzata dalla Società di Belle Arti di Verona.

Il Celentano tribute show di Maurizio Schweizer.

Al taglio del nastro erano presenti il sindaco di Isola della Scala Luigi Mirandola, assieme al vicesindaco Federico Giordani e all’assessore alle Manifestazioni Gianluca Mirandola, la presidente de La Compagnia de l’Anara Elena Meneghelli, il presidente della Società di Belle Arti di Verona Gianni Lollis. La manifestazione, organizzata grazie all’impegno di circa 150 volontari e al supporto delle aziende del territorio, è patrocinata da Regione Veneto, Provincia di Verona, Comune di Isola della Scala e Camera di Commercio di Verona.

Guarda le interviste ad Elena Meneghelli e a Luigi Mirandola

«Finalmente si riparte – ha aggiunto la presidente Elena Meneghelli -. Dopo due anni e mezzo di stop, la Sagra de l’Anara Pitanara torna in piazza e aspetta i visitatori con le tradizionali lasagne, ma anche con tanti appuntamenti per grandi e piccini. Il merito di tutto questo va senz’altro ai 150 volontari che, da più di un mese, stanno lavorando con grande impegno oltre ai numerosi sponsor che ci sostengono e senza i quali non potremmo realizzare la manifestazione».

«Questa Sagra è una delle manifestazioni di spicco del nostro territorio – ha detto il sindaco Luigi Mirandola -, un appuntamento con le tradizioni di Tarmassia e della Bassa veronese. Abbiamo il dovere di portare avanti le nostre radici, di conoscere le nostre origini per affrontare il futuro. In queste giornate i visitatori troveranno non solo piatti tipici ma anche spettacoli e appuntamenti culturali. Un programma di eventi che propone, ad ogni edizione, continue novità».

Il taglio del nastro della manifestazione.

Gli stand enogastronomici e la pesca di beneficenza apriranno tutte le sere alle ore 19.30. Il programma prevede momenti di intrattenimento per bambini con Mago Riccardo, il giocoliere Gera Circus e il truccabimbi. E per giovani e adulti con l’aperitivo di Dj Ramon Ramonito, Gambeinspalla Teatro con lo spettacolo ‘Bolle – il Sogno’ e il duo Cie Autoportante con ‘Fuori al naturale’. Sul palcoscenico si alterneranno numerosi gruppi e band musicali, tra cui Marco e il Clan, dj Yano, Giorgio Ikebana, l’Orchestra Filadelfia, Larry Band e il Bifido, Manuel Martini. Domenica mattina, alle ore 9.30, il gruppo Le Retrovie si fermerà in piazza San Giorgio, per un aperitivo in bicicletta. Alle ore 12.30 si terrà, invece, ‘Il pranzo è servito’ con gli ex abitanti di Tarmassia, una rimpatriata su prenotazione.

La sagra si chiuderà martedì 13 settembre, alle ore 22, con l’estrazione della Lotteria e la consegna dei premi, tra cui un ricco cesto di prodotti alimentari del valore di mille euro. Il ricavato andrà a finanziare le opere parrocchiali, le attività delle scuole dell’infanzia e primaria e i progetti dell’Associazione Mato Grosso.

Il programma dettagliato della festa e delle celebrazioni religiose è disponibile sul sito www.anarapitanara.it.

Una fata trampoliera.