A GREZZANA VA IN SCENALA STORIA DEL BRIGANTE FALASCO

La storia del brigante Falasco rivive venerdì 20 marzo alle 21, al cinema teatro Valpantena, per iniziativa dei ragazzi della scuola media «Pascoli» di Grezzana. Gli studenti riproporranno la storia del rapimento della ricca Angiolina di Poiano, già promessa sposa al marchese Lionello Sagramoso, compiuto dal brigante Falasco e dalla sua banda, su ordinazione di Provolo Giusti di Santa Maria in Stelle. Una storia che ha appassionato intere generazioni in Valpantena.

L’idea è nata nel laboratorio teatrale al quale partecipano una quindicina di ragazzi della scuola media, coordinati dai docenti Nicoletta Busato e Luisa Consuma, e si inserisce nel più ampio «Progetto legalità», fortemente sostenuto dalla dirigente Maria Luisa Aguiari. Lo spettacolo, sarà diretto dal registra David Conati del Teatro Stabile di Verona, che ne ha riscritto anche il testo tratto dal fumetto del grezzanese Aldo Signorini «La Valpantena ai tempi de Il Brigante Falasco». Le scenografie sono a cura dei laboratori artistici scolastici, diretti dai docenti Laura Garonzi, Giuliana Ferrarini e Roberto Fenzi.

La commedia sarà introdotta dal lavoro degli allievi coordinati dalla docente Valeria Cona sugli usi e costumi tipici dell’epoca. Tutti i ragazzi coinvolti nello spettacolo hanno anche visitato, con le guide Fernando Zanini e Bruno Avesani, le grotte di Falasco.

Alla fine della serata sarà possibile acquistare il libro a fumetti scritto e disegnato da Signorini e stampato dalla casa editrice Infoval S.r.l. col patrocinio di Regione Veneto, Comune di Grezzana e il sostegno di Banca di Verona, Cantina sociale della Valpantena e Associazione Innoval.

E’ di questi giorni anche la ristampa, a cura della comunità parrocchiale di Santa Maria in Stelle, del libro «Angiolina» dell’abate Pietro Caliari, rivisitato dallo studioso Luigi Antolini.

La Redazione