IRC: donato a Verona il duemilionesimo DAE

La consegna è stata effettuata da Simona Comandé, General Manager di Philips Italia, Israele e Grecia.

IRC_191011_foto2

Il Congresso Nazionale di Italian Resuscitation Council (IRC) in corso a Verona si è aperto con la cerimonia di donazione all’associazione del 2.000.000° DAE prodotto da Philips, azienda leader nel settore dell’Health Technology e nella produzione di defibrillatori automatici esterni. La consegna è stata effettuata da Simona Comandé, General Manager di Philips Italia, Israele e Grecia.

«Un sincero ringraziamento a nome di tutta la nostra associazione e dei suoi membri a Philips per la generosità e l’attenzione dimostrate. – ha detto Andrea Scapigliati, presidente di IRC – Tale donazione ci onora e ci stimola a moltiplicare gli sforzi: abbiamo deciso di individuare tre istituti scolastici attraverso un concorso rinvolto ad insegnanti e studenti a cui chiederemo di proporci progetti innovativi di formazione per la scuola. Gli istituti da cui proverranno i migliori tre progetti riceveranno a loro volta da IRC un DAE e un corso BLSD per imparare la rianimazione cardiopolmonare. Questa iniziativa simbolica si aggiunge ai tanti corsi che organizziamo ogni anno in tutta Italia e che solo nel 2018 hanno portato a formare oltre 120.000 persone. La diffusione della cultura della rianimazione cardiopolmonare in Italia è l’obiettivo a cui IRC lavora da 25 anni. Tale donazione ci incoraggia a proseguire su questa strada».

«Consegnare il duemilionesimo defibrillatore prodotto da Philips a livello globale proprio in Italia è per me motivo di grande orgoglio, in quanto rappresenta una pietra miliare di un lungo percorso di innovazione che ci vede oggi leader mondiali nello sviluppo di soluzioni per la medicina d’emergenza e la rianimazione cardiaca. – ha aggiunto Simona Comandè – I nostri defibrillatori automatici esterni, infatti, contribuiscono a salvare vite ogni giorno da quasi 20 anni, grazie a una tecnologia affidabile e facile da usare, da professionisti e non».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.