In Gran Guardia un convegno sui disturbi dell’apprendimento

Si terrà sabato 23 novembre nella sala Convegni della Gran Guardia alle ore 10 l'incontro “Uniti possiamo apprendere”. L'evento, organizzato dai Rotary Veronesi, mira a sensibilizzare la popolazione sui disturbi specifici di apprendimento nei bambini.

Gli istituti scolastici partecipanti sono 60, con 81 classi in 81 scuole diverse per un totale di 1.652 bambini, distribuiti in 56 Comuni. 152 gli insegnanti coinvolti. Sono questi i numeri del progetto per la prevenzione dei disturbi dell’apprendimento, ideato dai Rotary Veronesi e realizzato grazie all’impegno dell’ULSS9, dell’ufficio scolastico provinciale e dell’Università di Verona.

L’evento, che gode del patrocinio e del contributo del Comune di Verona e della Provincia di Verona, si intitola “Uniti possiamo apprendere” e si terrà in Gran Guardia sabato 23 novembre alle 10. Uno slogan per l’iniziativa, volta a individuare precocemente i disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) e a sensibilizzare su una condizione che affligge tanti bambini, rendendo in salita il percorso scolastico fin dai primi anni di studio.

I DSA o, più genericamente la dislessia, non sono certo fenomeni nuovi, la differenza sta nel fatto che se fino a pochi decenni fa i bambini e i ragazzi che ne soffrivano, venivano tacciati di svogliatezza, oggi vengono compresi e sostenuti.

Il convegno, aperto alla cittadinanza, sarà presieduto da Stefano Bertacco, Assessore all’istruzione di Verona, Dr. Massimo Ballotta Governatore Rotary Distretto 2060, Dr.ssa Raffaela Grottola, Direttore Servizi Socio Sanitari AULSS 9, Dr. Albino Barresi Dirigente Scolastico U.A.T. VII Provincia VR, Prof. Angelo Lascioli Prof Associato Pedagogia Speciale UNIVR, Dr. Manuel Scalzotto, Presidente della Provincia Verona.