Il Premio Ucsi taglia il traguardo dei 25 anni

Il Premio è promosso da Ucsi Verona con l’obiettivo di valorizzare i giornalisti della carta stampata, web, tv e radio, impegnati nella comunicazione del Bene. Il premio sarà consegnato il 14 dicembre in Sala Arazzi.

premio

Nel corso degli anni è diventato tra i più ambiti premi dell’informazione italiana. E ora che taglia il traguardo dei venticinque, il Premio giornalistico “Natale Ucsi”, promosso da Ucsi Verona rinnova lo stesso impegno degli esordi, forte dell’invito ricevuta: valorizzare i giornalisti di carta stampata/web, tv e radio a caccia di “buone notizie”, distintisi per aver raccontato testimonianze, problemi, storie e fatti inerenti ai valori della solidarietà, dell’integrazione sociale, della convivenza civile, della fratellanza, dell’attenzione verso il prossimo e della difesa dei diritti e della dignità umana.

«Un traguardo importante questi 25 anni del Premio – commenta il presidente di Ucsi Verona Stefano Filippi – segno di una capacità di cogliere un bisogno reale, ovvero quello di comunicare il grande mare sommerso del bene. Un’esigenza sentita anche dalle istituzioni veronesi che sostengono questo tentativo dell’Ucsi di Verona, a partire dalla Fondazione Cattolica che ha creduto nel premio fin dall’inizio».

Promosso dall’Ucsi – Unione Cattolica della Stampa Italiana – sezione di Verona, con il sostegno di Fondazione Cattolica Assicurazioni, la partecipazione di Banco BPM e il patrocinio di Ucsi nazionale, Comune di Verona, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Ordine dei Giornalisti del Veneto, cui si aggiunge l’apporto della società editrice Athesis e dell’Ufficio Regionale Comunicazioni sociali della Conferenza Episcopale del Triveneto, il Premio giornalistico nazionale “Natale Ucsi” nacque un quarto di secolo fa dall’idea di un gruppo di professionisti attivi in riva all’Adige, con l’obiettivo di fare emergere il bello e buono che si muove e prospera nelle maglie, anche più recondite, della nostra società.

«Da 25 anni il premio Natale Ucsi 2019 promuove ed incentiva il giornalismo che si rifà ai valori cattolici e al rispetto della persona. Un giornalismo sano e impegnato che ogni giorno guarda alla realtà con attenzione, offrendo occasioni di confronto e miglioramento per tutta la comunità e il suo territorio. Sostenere questo premio, oggi più che mai, è per Fondazione Cattolica motivo di orgoglio – sottolinea Paolo Bedoni, presidente di Fondazione Cattolica Assicurazioni -, perché il premio testimonia l’impegno a condividere uno sguardo nuovo, che non si limita alla denuncia, ma offre nuove prospettive e ricerca un bene troppo spesso nascosto dietro la cortina di fumo di una cronaca votata al sensazionalismo e alle fake news».

L’edizione 2019, che conferma partner dell’iniziativa la Cantina Valpolicella di Negrar e la Tipografia La Grafica Editrice, vedrà alcune novità nelle modalità di partecipazione, a partire dall’iscrizione esclusivamente online.

Per partecipare è necessario inviare la documentazione via web: le candidature degli articoli pubblicati ovvero dei servizi televisivi/radiofonici andati in onda dal 1 novembre 2018 al 31 ottobre 2019 dovranno infatti pervenire, con allegata scheda di partecipazione, all’indirizzo candidature@premioucsi.it, entro le ore 17 di giovedì 31 ottobre 2019, esclusivamente tramite servizi web quali, a titolo esemplificativo, wetransfer.com, e non più, come nelle edizioni precedenti, in formato cartaceo. Si potrà scrivere alla mail segreteria.premioucsi@gmail.com, esclusivamente per ricevere chiarimenti sul regolamento e modalità di partecipazione.

Bando 2019, regolamento e scheda di iscrizione sono pubblicati sui siti www.premioucsi.it, www.ucsi.it, www.odg.it, www.ordinegiornalisti.veneto.it. Ogni concorrente potrà candidarsi con un solo articolo o servizio e iscriverlo a una sola sezione del Premio, segnalandolo nella scheda di partecipazione.

La Giuria, presieduta da don Bruno Cescon, docente di Liturgia e comunicazione del Pontificio Ateneo Sant’Anselmo di Roma e composta da membri di Ucsi Verona, Ucsi Veneto e Ucsi Trentino, assegnerà quindi i seguenti tre premi principali: il Premio UCSI – Fondazione Cattolica alla Stampa, assegnato al giornalista autore del migliore articolo/inchiesta/reportage pubblicato su quotidiani e/o periodici (incluse testate giornalistiche online regolarmente registrate); il Premio UCSI – Fondazione Cattolica alla Televisione, per il giornalista autore del migliore servizio giornalistico televisivo (TG) e/o reportage televisivo sui temi del concorso trasmesso su canali televisivi nazionali, locali e regionali, in chiaro, digitale terrestre, satellitari, web; il Premio UCSI – Fondazione Cattolica alla Radio, per il giornalista autore del miglior servizio giornalistico radiofonico trasmesso dalle emittenti nazionali, locali, regionali e web-radio (solo se testate giornalistiche).

Si aggiungono i premi specialiTarga Athesis del Gruppo Editoriale “Athesis”, per il miglior servizio (stampa/web, televisivo o radiofonico) sui temi del premio, realizzato da un giornalista o collaboratore under 30 (anche studenti di Corsi di laurea in Scienze della Comunicazione e/o Master in giornalismo) alla data della scadenza del bando; e “Il genio della donna” del Banco BPM, assegnato al giornalista autore del servizio giornalistico più significativo (stampa/web, televisivo o radiofonico) che racconta storie al femminile in cui le donne diventano testimoni della difesa dei valori della convivenza civile.

È inoltre previsto un riconoscimento speciale della Giuria: “Giornalisti e società: la professione giornalistica al servizio dell’uomo” della Conferenza Episcopale del Triveneto, attribuito ad un giornalista o ad una iniziativa editoriale impegnati nella valorizzazione e nel supporto del volontariato sociale a sostegno di situazioni di emarginazione e fragilità sociale.

I vincitori del Premio saranno informati in via riservata entro fine novembre 2019. La cerimonia di premiazione si terrà sabato 14 dicembre 2019, ore 11, nella Sala Arazzi di Palazzo Barbieri.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.