Estate in salute e sicurezza per il nostro cane

Oggi in Comune i consigli degli esperti su come gestire al meglio i nostri amici in tutte le occasioni, dalle passeggiate estive fino alle procedure necessarie per i viaggi all'estero.

Portare il cane a passeggio nelle ore più fresche della giornata e in caso di lunghi viaggi fare delle piccole soste e usare l’aria condizionata. Sono queste le semplici e facili regole da seguire per aiutare gli amici a quattro zampe e assicurargli un estate in salute.

Tra i consigli dei veterinari, ad esempio, vi è l’indicazione di non lasciarli mai da soli in auto perché, anche se il mezzo è parcheggiato all’ombra e con i finestrini aperti per far girare l’aria, la temperatura interna dell’abitacolo può diventare insopportabile in pochi minuti. Inoltre, i medici raccomandano di non far mai mancare loro l’acqua ed evitare di fargli fare eccessiva attività fisica.

Se poi il nostro cane dovesse accusare un colpo di calore, prima di farlo visitare dal veterinario, bisogna spostarlo in un luogo fresco e rinfrescarlo con degli stracci bagnati d’acqua a temperatura ambiente.

I consigli utili per aiutare gli amici animali sono stati illustrati oggi in Comune dalla consigliere comunale con delega alla Tutela e benessere degli animali Laura Bocchi, insieme al veterinario Gianluca Bragantini. Presente il vicepresidente della commissione consiliare Temporanea per la Tutela degli Animali Gianmarco Padovani.

«Come gli esseri umani anche gli animali d’estate possono incorrere in situazioni di disagio fisico o pericolo – sottolinea Bocchi –. Ecco perché semplici accorgimenti possono fare la differenza. Per questo, in stretta collaborazione con specialisti del settore, stiamo lavorando alla realizzazione di un vademecum che possa fornire alla cittadinanza, tanti consigli utili per la detenzione corretta degli animali in casa, in viaggio e all’aria aperta. Un pratico manuale che sarà distribuito gratuitamente sul territorio attraverso uffici comunali, farmacie e ambulatori veterinari».

Tra gli accorgimenti, per esempio, si consiglia di fare passeggiate solo al mattino presto e la sera per evitare le temperature afose delle ore di punta, portando con sé sempre dell’acqua; tenere sempre sotto controllo l’animale dai parassiti, visionando il pelo e la pelle. Contro pulci, zecche, pappataci e zanzare, gli specialisti raccomandano l’utilizzo di insetticidi ambientali e di prodotti repellenti specifici, come collari e gocce facilmente disponibili in commercio. Inoltre, per evitare il proliferare di questi fastidiosi insetti, è opportuno tenere ben pulito e disinfettato il luogo in cui vive il nostro amico animale.

Per i viaggi all’estero, è obbligatorio portare l’animale dal veterinario per la vaccinazione antirabbica una ventina di giorni della partenza. I padroni devono poi recarsi all’ASL competente per ottenere il passaporto. Il rilascio per i cani è subordinato alla preventiva iscrizione all’anagrafe canina. Il passaporto, redatto in almeno una delle lingue ufficiali dello Stato membro di rilascio e in inglese, sostituisce tutte le altre certificazioni per gli spostamenti all’interno dei Paesi della UE e contiene informazioni sui dati anagrafici dell’animali, l’elenco delle vaccinazioni e delle visite mediche effettuate.

Infine, se il nostro amico dovesse ingerire bocconi avvelenati, per guadagnare tempo prima dell’intervento medico è utile far bere al nostro animale piccole quantità di acqua ossigenata, che possano far rigurgitare il boccone avvelenato.