60 istituti scolastici di 56 comuni, 1.652 bambini e 152 insegnanti coinvolti. Sono questi i numeri del progetto “Insieme possiamo apprendere”, ideato dai Rotary Veronesi per prevenire i cosiddetti DSA, disturbi specifici dell’apprendimento, che stamattina ha richiamato in Gran Guardia esperti, insegnanti e genitori di Verona e provincia.

Un progetto a cui ha partecipato anche l’Ulss9 scaligera e l’Ufficio Scolastico Provinciale di Verona per sensibilizzare su una condizione che affligge tanti bambini, rendendo in salita il percorso scolastico fin dai primi anni di studio.

Grazie al sostegno di tutti i Rotary Club di Verona e Provincia, sarà possibile adottare una innovativa metodologia (Co.Ri.Po.) messa a punto dalla AULSS9 e, grazie alla collaborazione dell’Ufficio Scolastico, estenderla a tutte le scuole della provincia.

Oggi riteniamo che si possano realmente “prevenire” fin dal primo anno della scuola primaria questi disagi “supportando” con dei corsi specifici di potenziamento i bambini in difficoltà e anticipando moltissimo il riconoscimento dei più gravi casi di DSA (Disturbo Specifico dell’Apprendimento, dislessia) che ancora oggi vengono riconosciuti troppo tardi e non sempre compresi e sostenuti.