Dipendenze a Verona, stasera convegno al Don Bosco

Si terrà questa sera alle 20.30 l'incontro dal titolo "Dipendenze patologiche i numeri della realtà studentesca veronese" organizzato dall' Agesc Associazione Genitori Scuole Cattoliche.

Dipendenze patologiche, qual è il quadro generale nella nostra città? A definirne i contorni, questa sera, alle 20.30. all’auditorium dell’Istituto Don Bosco di Stradone Provolo 16 a Verona saranno il dottor Fabio Lugoboni, responsabile unità medicina delle dipendenze Policlinico Rossi e il dottor Lorenzo Zamboni, psicologo esperto di ricerche epidemiologiche. A moderare l’incontro sarà Gianmarco Padovani, consigliere comunale e farmacista.

L’evento, dal titolo “Dipendenze patologiche i numeri della realta’ studentesca veronese“, è organizzato dall’Agesc (Associazione Genitori Scuole Cattoliche, ed è rivolto a giovani e, in particolare, ai loro genitori per affrontare insieme tematiche relative alle consuete dipendenze da droga fino a quelle più moderne: come scoprirle, come affrontarle, come e dove curarle.

Gianmarco Padovani
Gianmarco Padovani, consigliere comunale e farmacista

«L’incontro di questa sera serve per fare il punto su questioni tangibili e attuali. – spiega Gianmarco Padovani – Il ventaglio delle dipendenze, infatti, è molto più ampio di quello che ci si possa immaginare. A fianco delle dipendenze da droga, alcol e tabagismo, si stanno diffondendo prepotentemente nella nostra società le dipendenze da realtà virtuale: giochi online, video game, pornografia. Senza dimenticare la dipendenza da shopping compulsivo, sempre più frequente».

«Per affrontare il problema, e mi rivolgo in particolare ai genitori, ci vuole umiltà. Sia nel riconoscere e tentare di risolvere una criticità che potrebbe insorgere nel proprio figlio o figlia, sia nel rivolgersi a uno specialista. – conclude il farmacista – I giovani di oggi non sono mai stati così informati su queste tematiche, tuttavia si sentono spesso soli nell’affrontare i problemi. E’ necessario ripristinare attorno a loro una rete di istituzioni, scuole e famiglie che li aiuti nelle difficoltà. Questo è il messaggio che cercheremo di far passare stasera assieme agli specialisti».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.