Valeggio: stop a tutti i veicoli sopra le 7,5 tonnellate sul Ponte Visconteo

Da lunedì 5 febbraio 2024, il Ponte Visconteo sarà soggetto a una limitazione al transito di tutti i veicoli con massa superiore alle 7,5 tonnellate, tra i quali gli autocarri, gli autobus e specifici mezzi agricoli.

Valeggio sul Mincio
Ponte Visconteo di Valeggio sul Mincio

A partire da lunedì 5 febbraio 2024, il Ponte Visconteo, di proprietà del Comune di Valeggio sul Mincio, sottoposto a tutela come bene monumentale, con ordinanza dell’ente sarà soggetto a una limitazione al transito di tutti i veicoli con massa superiore alle 7,5 tonnellate, tra i quali gli autocarri, gli autobus e specifici mezzi agricoli. Attualmente, il transito è consentito a tutti i veicoli ad eccezione dei soli autocarri di massa complessiva superiore a 7,5 tonnellate e l’ordinanza estende tale divieto a tutti i veicoli che superano tale massa.

LEGGI ANCHE: Autovelox a Verona, ecco dove sono dal 22 al 28 aprile

La viabilità del manufatto è strategica per il territorio in quanto consente di oltrepassare agevolmente il fiume Mincio unendo il territorio mantovano a quello veronese. Si tratta di un’opera strutturale importantissima di collegamento tra le due regioni del Veneto e della Lombardia. Non da meno, l’aspetto monumentale è l’altra caratteristica più rilevante del manufatto, ubicato nella frazione di Borghetto, nota meta turistica di rilevanza nazionale e internazionale.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Il ponte è costituito parzialmente in muratura e, per un breve tratto centrale, da un ponte in ferro edificato nei primi anni del Novecento. Nel corso del tempo sono state effettuate numerose attività di indagine strutturali che hanno evidenziato la necessità di effettuare onerosi interventi di manutenzione. Al riguardo l’ente ha partecipato a un bando provinciale per l’assegnazione di fondi da destinare a tale opera. Nelle more della realizzazione dei lavori si è reso necessario adottare misure precauzionali che garantiscano la conservazione del bene.

L’ordinanza è stata adottata previo parere della Provincia di Verona a seguito di intese tra la Provincia stessa e le Aziende ATV e APAM, per garantire la continuità dei servizi di trasporto pubblico locale. I percorsi alternativi individuati sono: Strada Provinciale n. 28 tratto Valeggio sul Mincio-Monzambano e strada della Provincia di Mantova (S.P. n. 19 dei Colli).L’ente ha già provveduto ad installare adeguata segnaletica stradale che verrà resa visibile dal prossimo 5 febbraio.

LEGGI ANCHE: Passaporto in provincia di Verona: si può fare anche in 7 uffici postali