Zaia: «Rt alto, evitate assembramenti»

Il Governatore del Veneto Luca Zaia ha espresso preoccupazione in vista del primo weekend natalizio, perché si continuano a registrare grandi masse di persone che si spostano nei centri cittadini. L'Rt della regione è fra i più alti d'Italia, quindi l'invito è quello di agire con coscienza.

Il bollettino. Tamponi 2milioni 870mila 960, oltre 16mila molecolari nelle ultime 24 ore, rapidi 35.677, per un totale di 52.063 tamponi effettuati, 3.607 positivi in più rispetto a ieri, rapporto 6,93% tra tamponi e positivi trovati. Ricoverati totali 3.059, di cui 340 in intensiva e 2.719 in area non critica, +15 ricoveri, +3 in intensiva, i decessi sono 108 in più.

Presente in conferenza il dottor Rosi, responsabile delle aree critiche del Comitato di Crisi regionale per l’emergenza Covid. Zaia: «Speriamo di essere nella parte alta della curva, però stiamo parlando di Covid, quindi anche se c’è una timida tendenza a scendere sappiamo che il Covid ha cambiamenti repentini, quindi non dobbiamo abbassare la guardia. Questo è il primo weekend natalizio, lunedì i centri commerciali e i parchi sono chiusi perché è un prefestivo. L’affluenza e le grandi masse che si spostano oggi ci portano a essere la prima regione d’Italia per Rt, con 1,11. Sta calando, perché siamo passati da 1,22 e 1,11, però come vedete cala lentamente. È pur vero che facciamo tanti tamponi rispetto ad altri, però il mancato rispetto del distanziamento è la causa maggiore di questo dato. Siamo fortemente preoccupati. Se i cittadini ci danno una mano, evitando ogni forma di assembramento, ne veniamo fuori velocemente, altrimenti dobbiamo guardare al futuro con un punto di domanda».

«Noi ce l’abbiamo messa tutta, con misure che non c’erano neanche nelle zone rosse, con distanziamento clienti ogni 20 metri quadrati, la chiusura delle attività commerciali la domenica, ma gli assembramenti ci sono stati comunque. Per questo siamo preoccupati e il dottor Rosi vi darà i numeri delle terapie intensive. Noi vediamo che ci sono fiumi umani che si dirigono verso i centri cittadini. State a casa, ora c’è anche la criticità del maltempo, ci sono valanghe dappertutto».

«Spero che queste Feste ci portino il regalo dell’abbassamento delle curve e dell’Rt, ma ogni cittadino deve essere consapevole che dipende dal comportamento di ognuno di noi».