Virtus-Albinoleffe, Fresco chiama i tifosi «mi aspetto un Gavagnin-Nocini pieno»

fresco virtus verona

Partita da dentro o fuori. Virtus Verona-Albinoleffe si presenta come una sfida fondamentale per le speranze salvezza dei rossoblu.

Domani, domenica 28 aprile, la Virtus Verona si gioca una buona fetta di salvezza al “Gavagnin-Nocini” contro l’Albinoleffe. Fischio d’inizio alle 18.30, in concomitanza con tutti
gli altri incontri del girone B di serie C.

«Dobbiamo vincere, ogni altro discorso diventa secondario» dice l’allenatore Luigi Fresco. «Sappiamo che la partita non sarà facile ma è pur vero che in questo girone non esistono partite facili. Tutto può ancora succedere, le sorprese sono dietro l’angolo ed ogni domenica assistiamo a risultati inaspettati ma rientra tutto nella natura di questo girone».

Fresco aggiunge: «Non possiamo pensare a quello che accadrà sugli altri campi. Guarderemo i risultati delle dirette concorrenti alla salvezza solo al triplice fischio. Dovremo pensare a noi stessi e, soprattutto, a vincere. Solo vincendo avremo una possibilità in più di conquistare la salvezza diretta ma a questo punto non azzardo calcoli, meglio lasciar perdere». Virtus al momento terzultima, Albinoleffe poco sopra. A due partite dalla fine del campionato dalla Sambenedettese decima a 44 punti (zona playoff) alla Virtus Verona diciottesima a 38 punti (zona play-out) ci sono solo 6 punti di differenza. Sotto Rimini a 37 e Fano a 35.

Chiusura dedicata al capitolo formazione: «Ci siamo tutti. Anche Nolé è recuperato e sarà a disposizione. Ho bisogno di tutti in questo momento come abbiamo bisogno anche del sostegno del pubblico che domani dovrà darci una grossa mano. Sarà la partita dell’anno, mi aspetto un Gavagnin-Nocini pieno».