Via Monfalcone, crea il panico in uno studio medico: nei guai un 43enne

È entrato all’interno di uno studio medico creando il panico e spaventando i presenti, tanto da costringere alcuni dipendenti a rinchiudersi all’interno dei propri uffici per paura di subire atti di violenza: è successo ieri intorno alle 16.30, quando gli agenti delle Volanti sono intervenuti in via Monfalcone.

polizia
Un 43enne ha aggredito gli agenti in uno studio medico in Via Monfalcone.

Ha creato il panico fra i presenti in uno studio medico in via Monfalcone e, una volta sopraggiunti gli agenti, li ha aggrediti.

È successo ieri, lunedì 8 febbraio: giunti immediatamente sul posto, gli agenti delle Volanti hanno individuato la persona segnalata, M.L. 43enne veronese, già noto alle forze dell’ordine, che dopo aver creato scompiglio all’interno dello studio medico, era uscito in strada e stava infastidendo e spaventando i passanti, urlando, sbracciandosi ed impedendone il libero transito.

Invitato dagli operatori a contenere i modi, per tutta risposta l’uomo ha tentato di eludere il controllo, spintonando con forza gli agenti e colpendoli con calci e pugni. 

Il 43enne ha continuato a mantenere una condotta aggressiva anche all’interno della Questura, dove ha tentato di sottrarsi agli accertamenti sulla sua identità, spintonando gli operatori e colpendo con calci e pugni le pareti degli uffici, atteggiamento che ha fatto scattare l’arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale. 

All’esito del giudizio direttissimo che si è svolto in mattinata, il giudice ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di presentazione giornaliera alla polizia giudiziaria.