Verona: ubriaco molesto e senza mascherina aggredisce gli agenti

Ubriaco e senza mascherina aggredisce e minaccia gli agenti: arrestato dalla Polizia di Stato un 49enne in via Giovanna Murari Brà a Verona.

La volante della Polizia di Stato in via Murari Brà a Verona ubriaco molesto senza mascherina
La volante della Polizia di Stato in via Murari Brà a Verona

Fermato a Verona un 49enne senza mascherina, oltre che ubriaco: ha minacciato di morte e aggredito gli agenti che lo avevano invitato a indossare la mascherina, inveendo nei loro confronti e rifiutandosi di fornire le proprie generalità.

Il fatto ieri sera a Verona: ubriaco molesto e senza mascherina

È accaduto ieri intorno alle 18 quando gli agenti della Polizia di Stato, nel corso di un normale servizio di controllo del territorio, sono intervenuti nei pressi di una pasticceria in via Murari Brà, a seguito della segnalazione di un avventore ubriaco e molto molesto.

Giunti sul posto, gli agenti delle Volanti hanno individuato un 49enne veronese 49enne che, con atteggiamento estremamente sprezzante e in evidente stato di alterazione, sbraitava frasi senza senso, privo di mascherina protettiva.

Invitato dagli agenti a indossare il dispositivo di protezione individuale e a contenere i modi, per tutta risposta l’uomo ha iniziato ad inveire ad alta voce e a minacciare di morte gli agenti, rifiutandosi di fornire le proprie generalità.

LEGGI ANCHE: Zaia: «Venerdì il piano di sanità pubblica per le scuole»

Aveva anche un coltello

Nel tentativo di sfuggire al controllo, inoltre, ha spinto con vigore gli agenti, sferrando ripetutamente calci nei loro confronti. L’uomo, che è stato trovato in possesso di un coltello da cucina, ha continuato a mantenere una condotta aggressiva anche all’interno degli uffici della Questura, dove si è rifiutato con forza di fornire indicazioni sulla propria identità e di sottoporsi ai necessari accertamenti.

Le conseguenze

Tale comportamento gli è costato l’arresto per resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale e la denuncia per porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere, rifiuto di indicazioni sulla propria identità e oltraggio a Pubblico Ufficiale.

L’uomo, inoltre, è stato sanzionato per ubriachezza e per l’inosservanza della vigente normativa in materia di contenimento del contagio.

All’esito del giudizio direttissimo che si è svolto in mattinata, il giudice ha convalidato l’arresto e rinviato all’udienza del 12 febbraio.

LEGGI ANCHE: Cantieri filobus: trovata una bomba inesplosa