Verona, spaccio in zona universitaria. Arrestati due pusher con mezzo etto di cocaina

Centrale di spaccio a Veronetta, nella zona universitaria di Verona. La Squadra Mobile arresta due pusher che agivano in zona. Nell'abitazione di uno dei due trovato oltre mezzo etto di cocaina.

Polizia di Stato Verona - Spaccio in zona universitaria cocaina

Cocaina: arrestati due pusher per spaccio in zona universitaria

Due uomini, un 25enne e un 33enne, sono stati arrestati per spaccio in zona universitaria a Verona la scorsa settimana. Nella tarda serata di giovedì 14 ottobre, gli agenti della Squadra Mobile, nell’ambito di servizi mirati al contrasto del traffico di stupefacenti nella zona universitaria di Veronetta, hanno arrestato in flagranza di detenzione ai fini di spaccio di circa mezzo etto di cocaina, di due uomini, un 33enne albanese e un 25enne rumeno, entrambi pregiudicati.

LEGGI ANCHE: I controlli di velocità e sosta a Verona per questa settimana

L’operazione

In particolare, gli agenti della Squadra Mobile, verso le 20 si trovavano nel quartiere di Veronetta per accertare l’esistenza di un’eventuale attività di spaccio compiuta in quella zona.

Infatti, nei pressi del Bar Cambridge di via San Francesco, hanno notato la presenza di un giovane dal fare sospetto, che con passo spedito si dirigeva nel vicolo Dietro San Francesco, mentre un secondo uomo lo attendeva vicino a un’autovettura in sosta sulla via.

I poliziotti hanno deciso quindi di fermare contemporaneamente i due uomini e di sottoporli a controllo.  Il giovane, bloccato nel vicolo, è stato trovato in possesso di una borsetta da donna in pelle nera con all’interno denaro contante ed un grosso involucro di cellophane trasparente contenente sostanza solida di colore bianco risultata essere cocaina. L’altro uomo, fermato vicino all’auto, è stato identificato.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Gli agenti hanno, quindi, proceduto alla perquisizione dell’abitazione del giovane, risultato essere di origini albanesi, e lì hanno rinvenuto e sequestrato un bilancino digitale di precisione, un attrezzo in metallo lucido con estremità appiattite dalla lunghezza di circa 15 cm, intriso di sostanza polverosa bianca, utilizzato per la suddivisione della sostanza stupefacente e un involucro di cellophane bianco termosaldato contenente cocaina dal peso di 0,61 grammi. Si è proceduto, inoltre, alla perquisizione dell’abitazione del secondo uomo, tuttavia con esito negativo.

Terminate le formalità di rito, i due uomini, su disposizione del Pubblico Ministero di turno, sono stati accompagnati presso il carcere di Montorio, in attesa della celebrazione dell’udienza di convalida. Questa mattina il GIP ha convalidato l’arresto e ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di entrambi.

Si ritiene che i due spacciatori si fossero riforniti dello stupefacente sequestrato per smerciarlo nel fine settimana. Le indagini della Squadra Mobile proseguono per risalire ai fornitori dei due arrestati.

LEGGI ANCHE: Maltratta nuovamente la compagna davanti alla figlia neonata e finisce in carcere

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM