Verona, sgomberato un immobile fatiscente in via Volta

La Polizia locale di Verona sgombera un immobile in zona Borgo Venezia. Tre persone denunciate. Situazione grave dal punto di vista igienico-ambientale.

Polizia locale Verona - sgombero via Volta 26.05
New call-to-action

Grazie alla riduzione degli agenti impegnati nella gestione dei cantieri della filovia, la Polizia Locale di Verona è intervenuta in un immobile di via Volta (zona Borgo Venezia), già teatro di precedenti sgomberi, in cui erano stati segnalati accessi abusivi da parte di persone non autorizzate.

Sul posto anche i tecnici del settore edilizia privata del Comune e i proprietari a cui è stata già notificata una ordinanza per la pulizia dell’area e per la messa in sicurezza, con la chiusura degli accessi grazie agli operai già presenti sul posto, dopo la rimozione dei rifiuti.

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco

Nell’immobile sono stati trovati rifiuti ovunque, vecchi veicoli, mobili, con l’occupazione da parte di tre persone trovate all’interno, giovani provenienti da Libia, Tunisia ed Algeria, insediatisi abusivamente, già noti alle forze dell’ordine con numerosi precedenti penali e di polizia.

Sono stati tutti denunciati per invasione di edificio e per l’inottemperanza all’ordine di allontanamento della questura in materia di immigrazione. Uno dei tre, dopo essere stati accompagnati per l’identificazione al comando di via del Pontiere, ha anche danneggiato l’apparecchiatura per il fotosegnalamento e avrà una ulteriore segnalazione giudiziaria.

LEGGI ANCHE: Arresto cardiaco in strada a Verona: rianimato con il 118 al telefono

Polizia locale Verona - sgombero via Volta 26.05

Il degrado edilizio e ambientale è molto grave, con presenza di una grande quantità di rifiuti non urbani e organici, con pneumatici, tre ciclomotori abbandonati, una autovettura abbandonata. La Polizia Locale nei prossimi giorni effettuerà un ulteriore sopralluogo per verificare l’ottemperanza all’ordinanza, considerata la grave situazione igienico-ambientale che si protrae da mesi e i rischi anche per la sicurezza del quartiere.

LEGGI ANCHE: Parte lo sviluppo della Marangona: a breve l’accordo