Verona Domani, Casali lancia la candidatura degli avvocati Lana e Amicone

L’ex assessore Edoardo Lana e la civilista Barbara Amicone in campo per Verona Domani tra temi della giustizia e ruolo delle donne in politica. Lanciata la candidatura con Stefano Casali e il sindaco Federico Sboarina.

Verona Domani - Stefano Casali, Barbara Amicone, Federico Sboarina, Edoardo Lana
Da sinistra Stefano Casali, Barbara Amicone, Federico Sboarina, Edoardo Lana

Stefano Casali presenta le candidature di Edoardo Lana e Barbara Amicone

Gli avvocati Edoardo Lana Barbara Amicone candidati tra le fila di Verona Domani in Consiglio comunale. La presentazione dei due esponenti della lista civica di centrodestra guidata da Matteo Gasparato è avvenuta questa mattina al bar Fogge, alla presenza di Stefano Casali (cofondatore di Verona Domani e presidente di Agsm Aim) e del sindaco Federico Sboarina.

Civilista, assessore ai Lavori pubblici e all’edilizia sportiva e monumentale tra il 2015 ed il 2017, da sempre particolarmente vicino al presidente di Agsm-Aim Casali, Lana scende in campo non più in veste tecnica, ma come politico, candidandosi con Verona Domani, lista alla quale appartiene fin dalla sua nascita.

Amicone, di professione civilista, insegnante, madre di due ragazzi, new entry nello scenario politico scaligero, ha sposato la causa della lista civica e ha seguito in prima persona, insieme alla coordinatrice Patrizia Pisi, la realizzazione del programma “Verona Domani è anche donna”, il Coordinamento femminile del movimento. I due candidati hanno lanciato alcuni punti programmatici ed obiettivi del programma elettorale della lista.

«Ringraziamo il presidente Gasparato e Casali per averci dato la possibilità di metterci in campo per Verona Domani, una lista civica particolarmente vicina alla vita e alla realtà quotidiana dei quartieri» hanno commentato Lana Amicone. «Tra i temi che intendiamo promuovere nel prossimo mandato vi è sicuramente la volontà di aprire quanto prima una sede distaccata della Corte d’Appello a Verona, in modo da sollevare la sede veneziana da un notevole carico di lavoro e dove vi è una situazione al limite del collasso. È impensabile che regioni come la Sicilia siano dotate di tre sedi, mentre il Veneto ne abbia solamente una. Presenteremo apposite mozioni ed istanze in Comune, affinché tutti i parlamentari veronesi si adoperino per questa causa».

LEGGI ANCHE: Edoardo Lana: «Il mio programma? Attenzione al sociale e agli investimenti su Verona»

Edoardo Lana
Edoardo Lana, candidato di Verona Domani.

Rimanendo in tema di giustizia, i due candidati hanno ribadito quanto recentemente affermato da Carlo Nordio, ospite proprio di una convention di Verona Domani: «Le centinaia di migliaia di firme raccolte per il referendum sono il segno inequivocabile di una volontà civica di un repentino cambio degli attuali schemi» affermano Lana e Amicone. «Occorre una rivoluzione copernicana della Giustizia, gli italiani pensano che il sistema non funzioni e potranno iniziare a cambiare le cose anche attraverso i referendum».

I due candidati hanno infine affrontato l’attuale tema delle quote rosa e del ruolo delle donne in politica: «Mentre una certa parte politica strumentalizza a proprio comodo questo importante argomento, siamo orgogliosi di essere l’unica lista presente a Verona ad avere elaborato e presentato un apposito programma interamente al femminile. “Verona Domani in Rosa” è infatti una vera e propria piattaforma di idee e spunti a 360°, nata su intuizione di Matteo Gasparato e della Pisi e composta da un gruppo dinamico ed organizzato, aperto all’ingresso di tutte le donne che vorranno fornire un contributo di progetti in ambito sociale, amministrativo, economico e del mondo del lavoro».

LEGG ANCHE: Veronafiere, eletto il nuovo cda: «Bricolo farà bene». Le opposizioni: «Logica spartitoria»

«Due amici e colleghi, due candidati preparati che credono fortemente nei valori che da sempre contraddistinguono Verona Domani» ha sottolineato Casali. «Trasparenza amministrativa, legalità, professionalità. Sono certo che i due avvocati rappresenteranno un valore aggiunto per il nostro movimento. Insieme a loro condivideremo inoltre il percorso che ci porterà a breve ai referendum sulla giustizia. Un referendum che rappresenta, al di là dei singoli quesiti tecnici, l’espressione massima della volontà popolare».

«Verona Domani si conferma una grande forza civica centrista, moderata e pienamente rappresentativa di quell’elettorato di centrodestra che è fondamentale nella nostra coalizione» è stato infine il commento di Sboarina.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv