Verona, da lunedì i lavori sulle scale mobili del parcheggio Centro

Iniziano lunedì 18 marzo i lavori che andranno a completare la struttura che consente l’attraversamento sotterraneo di Lungadige Galtarossa e che collega la città antica a uno dei parcheggi cittadini più utilizzati da turisti e visitatori.

parcheggio centro parcheggi gratis a verona
Foto d'archivio
New call-to-action

Le scale mobili del parcheggio Centro saranno a breve dotate di nuova copertura che le proteggerà dalle intemperie e garantirà sicurezza alla mobilità degli utenti. Iniziano infatti lunedì 18 marzo i lavori che andranno a completare la struttura che consente l’attraversamento sotterraneo di Lungadige Galtarossa e che collega la città antica ad uno dei parcheggi cittadini più utilizzati da turisti e visitatori. Oltre alla copertura, è prevista anche l’installazione di pareti ai lati delle scale mobili, che saranno realizzate sotto forma di vetrate per essere uniformi all’ascensore.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Il cantiere verrà allestito contemporaneamente sulle due scale (scala est e scala ovest), durante tutto il periodo dei lavori le scale mobili saranno chiuse e verrà garantita l’accessibilità agli utenti del sottopasso solo per il tramite delle scale fisse oppure con l’utilizzo degli ascensori. Questi ultimi saranno invece gli unici accessi possibili durante la settimana dal 18 al 22 marzo, periodo in cui sarà installata una tettoia temporanea necessaria alla protezione degli utenti delle scale fisse.

Per il completamento dell’opera, indicata dall’Amministrazione come necessaria, nei mesi scorsi sono stati finanziati ulteriori 131mila euro rispetto al costo preventivato nel piano di fattibilità del 2016 e che servono per coprire l’incremento di spesa a seguito dell’approvazione del prezzario regionale 2022. Il costo complessivo dell’opera, che sarà realizzata tenendo conto delle indicazioni della Soprintendenza, è quindi di 381mila euro.

LEGGI ANCHE: “Le Iene” a Verona per il caso Citrobacter: «L’analisi genomica ce l’hanno da diversi giorni»