Verona, approvato il Documento Unico di Programmazione

Tra le novità, inseriti i lavori per la strada di Gronda e la variante alla statale 12 e la candidatura della città di Verona per gli Europei 2032.

Damiano Tommasi in consiglio comunale
Damiano Tommasi in consiglio comunale. Foto d'archivio.

È stato approvato, con 21 voti favorevoli, 8 contrari (Adami, Bertaia, Lella, Mariotti, Pisa, Polato, Sboarina e B. Tosi) ieri sera in Consiglio comunale il Dup – Documento unico di programmazione 2024-2027, coerente con le linee strategiche di mandato approvate nel dicembre 2022.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Il Documento unico di programmazione 2024-2027

Il Dup costituisce, nel rispetto del principio del coordinamento e coerenza del documento di bilancio, il presupposto di tutti gli altri documenti di programmazione e rappresenti l’atto indispensabile per l’approvazione del bilancio previsionale. Il Dup al suo interno contiene infatti, oltre a un’analisi puntuale del tessuto economico-sociale veronese, con la presentazione dell’evoluzione dello scenario demografico cittadino avvenuta negli ultimi anni (natalità, mortalità, mercato del lavoro, produttività, turismo, ..), le linee programmatiche dell’Amministrazione, gli obiettivi strategici ad esse collegati e gli indirizzi generali alle aziende partecipate.

Il documento è stato illustrato all’aula dal sindaco Damiano Tommasi.

«L’approvazione anticipata rispetto lo scorso anno del DUP, in linea con la nuova normativa vigente, ci consentirà di approvare il bilancio preventivo entro il 31 dicembre, garantendo così l’operatività dell’Ente comunale in linea con le risposte che vogliamo dare alle iniziative nella sezione strategica e operativa».

LEGGI E GUARDA ANCHE: Aperto il nuovo sottopasso di Verona! Inizia la nuova viabilità

Le modifiche

«Sul documento, approvato dalla Giunta lo scorso 4 agosto, sono arrivate alcune osservazioni da parte di consiglieri comunali che hanno portato a modifiche nell’ambito:

  • implementati gli obiettivi operativi sull’emergenza abitativa cambiando sia le modalità che le forme di intervento;
  • inserita la consigliera Annamaria Molino nel direttivo dell’Associazione Città Sane, un passo avanti nel precedente documento di programmazione;
  • cambiato il tema delle relazioni internazionali con l’inserimento anche dell’attività di cooperazione;
  • inserito il progetto di trasferimento del canile sanitario dall’attuale sede alla zona prospiciente il Rifugio del Cane».  

«Sono stati inoltre inseriti:

  • la pratica del Tocatì Patrimonio Unesco, con il nuovo riconoscimento ci obbliga ad un impegno diverso e più responsabile;
  • la candidatura della città di Verona per gli Europei 2032, che ci impone una riflessione concreta e una procedura con tempistiche sicuramente più strette rispetto a quanto inizialmente prefissato;
  • i lavori della Filovia che proseguono e che nelle prossime annualità avranno un avanzamento concreto in favore della mobilità;
  • la novità della strada di Gronda che non era programmata;
  • la Statale 12, un altro passo avanti che mettiamo a segno. Tutti progetti strategici che cerchiamo di portare avanti in linea con la visione di città che abbiamo».    

«Amia in house è una grande sfida che abbiamo raccolto da precedenti scelte amministrative che vogliamo comunque portare avanti perché crediamo che questo cambio possa essere fra i fiori all’occhiello della nostra città. Queste e tante altre scelte che trovate nel Dup non sono scritte sulla pietra, per noi è sicuramente importante la sua rapida approvazione per dare le migliori tempistiche possibili alla funzionalità dell’Ente comunale. Abbiamo delle sfide importanti davanti a noi, ma credo che se le affronteremo per tempo ci daranno grandi soddisfazioni».

LEGGI ANCHE: Pazienti ustionati a Bolzano, morto a Verona l’uomo di 31 anni