Verdi Opera Night, gli ultimi rintocchi per il Festival areniano

Successo per “Verdi Opera Night”, la serata dedicata al compositore di Busseto che ha richiamato sul palco dell’Arena 16 artisti di fama internazionale per proporre il meglio di: Rigoletto, Il Trovatore e La Traviata.

Arena gremita ieri sera per l’omaggio al compositore di Busseto, Giuseppe Verdi, “Verdi Opera Night“. Una serata speciale, l’ultima del 96° Opera Festival Areniano, che si concluderà sabato 1 settembre e in cui si è celebrato il genio del maestro con il meglio di tre dei suoi capolavori più famosi: Rigoletto, Il Trovatore e La Traviata con il nuovo allestimento della Fondazione Arena di Verona.

La serata, iniziata alle 21.30, si è aperta con la sinfonia La Forza del Destino, danzata dai ballerini del festival, ed è poi proseguita con le rappresentazioni e le esibizioni di 16 artisti tra cui cantanti lirici verdiani in carriera e alcune stelle emergenti. Tra queste Martina Gresia, interprete della serva Annina nel terzo atto de La Traviata, che a soli 21 anni si è confermata la più giovane debuttante della stagione lirica areniana. A dirigere gli artisti il maestro Andrea Battistoni, mentre alla regia Stefano Trespidi.

La serata, conclusasi proprio con La Traviata, si prospetta come un “arrivederci” alla prossima stagione 2019, che inizierà appunto con il capolavoro verdiano.