Vandali, Bozza scrive al prefetto e sui social spunta l’idea ronde

Continuano gli episodi di vandalismo, in particolare nel quartiere di Borgo Trento. Anche stanotte altri episodi di ruote bucate in via Missori, via Tonale, via Ceriotto e laterali di Via IV novembre. Il consigliere regionale Alberto Bozza scrive a Cafanga, mentre su Facebook alcuni cittadini si rendono volontari per le ronde notturne.

Auto con gomme bucate. (Foto Gruppo Borgo Trento).
Auto con gomme bucate. (Foto Gruppo Borgo Trento).

Gli atti di vandalismo nei quartieri di Verona, in particolare nella zona ovest della città, non accennano a diminuire. Altri episodi, infatti, si sono verificati nelle score ore in particolare in Borgo Trento: numerose le ruote bucate in via Missori, via Tonale, via Ceriotto e laterali di Via IV novembre.

Sconforto, rabbia, senso di impotenza tra i cittadini che, riunitisi in vari gruppi social, tra cui quello di riferimento che si chiama Gruppo Borgo Trento, stanno condividendo foto, commenti, lamentele e anche qualche proposta, tra cui quella di istituire delle ronde notturne.

Alcuni cittadini, uomini e donne, si sono resi disponibili a passare la notte tra le vie del quartiere pur di mettere fine a questa situazione che sta creando, come dicevamo, insicurezza e rabbia.

Alberto Bozza
Alberto Bozza

Questa mattina, il consigliere regionale e comunale Alberto Bozza ha scritto al Prefetto Donato Cafagna, proprio dopo l’ultimo raid notturno di ieri notte in Borgo Trento dove i vandali hanno ancora una volta bucato gli pneumatici delle auto a decine di residenti della zona. Fatti che seguono i precedenti delle notti scorse al Saval, Quinzano e Valdonega.

Bozza, che domenica scorsa si era attivato con le Forze dell’Ordine per denunciare quanto accaduto in Valdonega e Quinzano, torna su quello che definisce «un fenomeno sociale e delinquenziale che si manifesta quotidianamente da settimane e che è da estirpare, altroché episodi, e le Istituzioni cittadine devono dare un segnale forte, chiaro e inequivocabile”. Ma «il Sindaco tace e, al solito, scarica un po’ ovunque le responsabilità» dice Bozza. Che invece riconosce e apprezza il lavoro delle Forze dell’Ordine e del Prefetto Cafagna.

Tuttavia, sottolinea Bozza, «occorre uno sforzo ulteriore, perché i cittadini sono esasperati e arrabbiati. Da inizio anno ogni notte decine di residenti dei quartieri si ritrovano gli pneumatici bucati. È necessario che sia rafforzato il pattugliamento nei quartieri, pur comprendendo i limiti numerici del personale e delle risorse a disposizione delle Forze dell’Ordine, ma i cittadini chiedono un segnale tangibile”».

Nelle scorse ore anche Michele Croce, leader di Prima Verona, aveva puntato il dito contro il sindaco invitandolo a risarcire i danni provocati dalla mancata sicurezza nei quartiere.

👇 Ricevi il Daily! È gratis 👇

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP 👈
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM 👈

SEGUI DAILY VERONA
ANCHE SU
👉 GOOGLE NEWS 👈
A QUESTO LINK