Valpolicella, trovata auto rubata con all’interno materiali per lo scasso

Nella notte di sabato, i Carabinieri di San Pietro in Cariano hanno rintracciato un'Audi A6 risultata rubata lo scorso agosto, dentro alla quale sono stati rinvenuti oggetti atti allo scasso. I conducenti della vettura si sono dati alla fuga a piedi, rendendosi irrintracciabili.

Carabinieri San Pietro in Cariano

Sabato notte i Carabinieri della Stazione di San Pietro in Cariano hanno notato un’Audi A6 che procedeva lentamente fra le campagne della frazione Nassar, decidendo di sottoporla a controllo. Tuttavia, non appena il mezzo di servizio si è avvicinato e ha acceso i lampeggianti, la potente berlina tedesca si è allontanata a tutta velocità.

Inseguita, è stata raggiunta in località Balconi di Pescantina dove gli occupanti, almeno due, hanno abbandonato il mezzo dileguandosi fra le campagne. L’immediata battuta di ricerca effettuata dai Carabinieri della Compagnia di Caprino Veronese, supportati dai colleghi della Compagnia di Peschiera del Garda, non ha consentito il rintraccio dei fuggitivi. All’interno dell’auto, risultata rubata in agosto a Torri del Benaco, i Carabinieri hanno rinvenuto numerosi oggetti atti allo scasso fra cui un flessibile e un piede di porco.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Questo non è che l’ultimo atto di una battaglia che i Carabinieri di Caprino Veronese stanno sostenendo da tempo contro le bande specializzate in furti in appartamento. L’Audi è infatti la quinta autovettura rubata, dal solo mese di luglio, che i ladri sono costretti ad abbandonare perché inseguiti dai Carabinieri della Compagnia di Caprino. I militari infatti, dopo un attento studio delle località e delle fasce orarie maggiormente interessata dalla commissione di furti in abitazione, hanno potuto orientare e potenziare i servizi esterni delle Stazioni e dell’Aliquota Radiomobile in modo mirato, nel corso dei mesi estivi soprattutto in Valpolicella e sul lago di Garda, massimizzandone l’efficacia. Particolarmente utile nell’attività di contrasto si è rivelata la collaborazione con i comuni interessati che hanno messo a disposizione dell’Arma le immagini dei sistemi di videosorveglianza.

Tutte le vettura finora sequestrate dai militari, nonché gli arnesi da scasso rinvenuti al loro interno, saranno ora oggetto di approfonditi accertamenti al fine di verificare la presenza di tracce dattiloscopiche o biologiche che, proprio grazie al repentino abbandono dei mezzi perché inseguiti dai Carabinieri, gli autori dei reati potrebbero aver lasciato a bordo. Nel frattempo, prosegue con la massima determinazione il lavoro sul territorio delle Stazioni Carabinieri e dell’Aliquota Radiomobile di Capino Veronese volto a contrastare le attività predatorie in danno dei cittadini.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM