Valeggio: giovane incensurato teneva in casa un chilo di droga e 11mila euro

A Valeggio sul Mincio i Carabinieri sequestrano un chilo di droga e circa 11mila euro in contanti. Arrestato un giovane incensurato.

carabinieri valeggio droga
I Carabinieri con la droga e i contanti ritrovati

I Carabinieri della Stazione di Peschiera del Garda, in collaborazione con i colleghi di Valeggio sul Mincio, hanno arrestato un trentenne residente a Valeggio, incensurato, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Le indagini e la perquisizione

I militari, ricevute delle segnalazioni in merito a ragazzi che, in una determinata zona di Valeggio, acquistavano sostanze stupefacenti per uso personale, già da qualche giorno si erano impegnati a monitorare la zona e verificare l’informazione.

Le indagini hanno portato a considerare che il trentenne potesse detenere degli stupefacenti nel suo domicilio. Mercoledì pomeriggio, 24 febbraio, i militari si sono quindi presentati presso la sua abitazione per perquisirla.

All’arrivo dei Carabinieri, l’uomo si trovava in giardino e si è mostrato inizialmente stupito della loro presenza, per poi assumere un atteggiamento nervoso e insofferente, manifestando una evidente difficoltà nel rispondere alle domande.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Il ritrovamento della sostanza

A quel punto si è rifugiato in casa, dove ha tentato di nascondere alcuni mozziconi di spinelli e un involucro di plastica, che i militari sono riusciti a recuperare, entrando tempestivamente nell’abitazione. Nel sacchetto hanno trovato un bilancino e alcuni grammi di marijuana il cui tipico odore, peraltro, si avvertiva in modo inequivocabile per tutta la casa.

Per i Carabinieri acquisivano quindi solidità le ipotesi iniziali. Durante la perquisizione della camera da letto del ragazzo è stato rinvenuto, molto ben nascosto, oltre un chilo di altra sostanza stupefacente, tra marijuana e hashish, e materiale utilizzato per il confezionamento in dosi, nonché quasi 11mila euro in contanti.

LEGGI ANCHE: Ecco chi sono i nuovi direttori generali delle Ulss venete

L’arresto

Il trentenne è stato quindi dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Dei fatti è stato informato il Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Verona il quale ha disposto che il giovane venisse accompagnato presso il Carcere di Verona Montorio.

Stamattina si è celebrata l’udienza di convalida dell’arresto, al termine della quale, il G.I.P. ha disposto l’obbligo di dimora nel comune di Villafranca, restituendo gli atti al Pubblico Ministero per gli ulteriori seguiti processuali.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM