Vaccini anti-Covid: in Veneto somministrate 57mila dosi da ottobre

Il vaccino è ora disponibile per tutta la popolazione e non più solo per le categorie a rischio, presso gli ambulatori vaccinali delle Aziende sanitarie, le farmacie aderenti o il proprio Medico di Medicina Generale, qualora aderisca alla campagna. 

vaccino vaccinazione covid omicron vaccini

In Veneto proseguono le campagne vaccinali stagionali contro influenza e Covid-19. La campagna vaccinale Covid-19, partita nel mese di ottobre con la vaccinazione dei soggetti fragili ospiti delle Strutture Residenziali, prosegue con gradualità in base alle dosi fornite dal Ministero della Salute e a partire da ieri è disponibile per tutta la popolazione che lo desideri, e non più solo per le categorie a rischio, presso gli ambulatori vaccinali delle Aziende sanitarie, le farmacie aderenti o il proprio Medico di Medicina Generale, qualora aderisca alla campagna. 

LEGGI LE ULTIME NEWS

Ne dà informazione la Direzione Prevenzione della Regione Veneto.

«Da ottobre ad oggi – riferiscono i tecnici regionali – sono state somministrate oltre 57mila dosi di vaccino anti-Covid.  Le Aziende ULSS si stanno attivando nell’organizzazione di open day per la vaccinazione anti COVID-19 nei weekend, così da favorirne l’accesso fuori da orari lavorativi. In concomitanza è possibile aderire alla campagna vaccinale anti-influenzale e il vaccino è disponibile, oltre che nelle Aziende sanitarie, presso tutti i Medici di Medicina Generale e le Farmacie aderenti. Le Aziende ULSS hanno reso disponibile il vaccino anche per tutti gli ospiti delle strutture residenziali. La Regione del Veneto ha acquistato un milione di dosi e fino ad oggi ne sono state somministrate più di 628.000 prevalentemente grazie alla stretta collaborazione con i Medici di Medicina Generale». 

«Entrambi i vaccini – aggiungono i tecnici –  sono fortemente raccomandati per tutte le persone con più di 60 anni di età e per tutte le persone che presentano malattie croniche. I due vaccini possono essere somministrati nella stessa seduta. Nel caso fosse stato già somministrato uno dei due vaccini l’altro può essere eseguito a qualsiasi intervallo di tempo e non bisogna attendere.  L’influenza e il Covid-19 – sottolineano – possono avere complicanze anche gravi nei soggetti più anziani e nelle persone fragili. Il COVID-19 infatti, seppur con un impatto sanitario diverso, continua ad essere un pericolo per la salute di molte persone. Nelle ultime settimane si sta registrando infatti un aumento del numero di casi soprattutto nella popolazione anziana».

Si rimanda al sito della propria Azienda di riferimento per informazioni precise sulle modalità di prenotazione e accesso.

LEGGI ANCHE: Passaporto in provincia di Verona: si può fare anche in 7 uffici postali