Partirà domani Univerò, il festival del placement organizzato da Università di Verona ed Esu, che quest’anno, causa Covid, si concentrerà in un solo pomeriggio interamente online. Un cambio di format necessario che vedrà alternarsi diversi ospiti provenienti dal mondo dell’economia, della cultura e del mondo giuridico. A spiegarci, nel dettaglio, come si svolgerà l’appuntamento di domani è stato il prof. Tommaso Dalla Massara, direttore scientifico di Univerò, ospite stamattina di Radio Adige Tv per la trasmissione “Mattino Verona”.

«È un festival concentrato e non ridotto: spero riusciremo a fare qualcosa che assomiglia molto a quello che facevamo negli anni scorsi e cioè dare idee ai giovani e non solo sul futuro del mondo del lavoro, delle imprese e delle professioni. – spiega Dalla Massara – Non riusciremo a fare più l’incontro tra studenti e imprese, ma avremo dei grandi speaker e testimonial che ci spiegheranno cosa pensano di dove sta andando il mondo del lavoro nei prossimi anni».

Leggi anche: “UniVerò veste digital, il 6 ottobre torna il festival del placement

«Si potrà dialogare con i nostri ospiti via WhatsApp, poi quello che riguarda il contatto tra le aziende e i ragazzi si può fare con i normali portali a nostra disposizione. Un vero “Univerò”, in cui si potranno incontrare i protagonisti del mondo dell’impresa e i ragazzi contiamo di farla in primavera, ma come tutti navighiamo a vista e per il momento è più una speranza» ha detto Dalla Massara.

«I miei studenti, quelli di giurisprudenza, potranno avere un’attenzione particolare per Giulio Tremonti perchè parlerà di mercati globali. Grande attenzione ci sarà anche per Ilvo Diamanti che parlerà di come cambia la società italiana, come pure sarà molto interessante la relazione di Maurizio Beretta, perchè per conto di Unicredit Foundation racconterà delle opportunità per andare all’estero. Poi non potrei fare torto agli altri: Antonio Uricchio parla della ricerca in Italia ed Ernesto Galli della Loggia per l’area culturale è fondamentale. La cosa più bella di Univerò è il crossing da un’area all’altra».