Una piazza per Turrini, che salvò il patrimonio della Capitolare

Inaugurata ieri 17 giugno la nuova piazzetta nei pressi della biblioteca Capitolare, dedicata a Monsignore Giuseppe Turrini. Un omaggio a colui che ne preservò i manoscritti durante il bombardamento del '45.

Piazzetta G.Turrini Biblioteca capitolare

A Verona la nuova piazzetta, vicino alla biblioteca Capitolare, dedicata a Monsignore Giuseppe Turrini. Il prefetto della biblioteca che, nel lontano 4 gennaio del ’45, riuscì a salvare i manoscritti dal bombardamento che distrusse l’edificio.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Nato nel 1889, Turrini ricoprì diversi e importanti incarichi negli archivi e fu prefetto della biblioteca Capitolare. In sua memoria, nel 2019, la città scaligera scelse di dedicargli un luogo, ufficializzato la mattina di ieri 17 giugno, dall’assessore alla Toponomastica Federico Benini con la cerimonia di inaugurazione. Presenti il presidente della Prima Circoscrizione Lorenzo Dalai e il docente dell’università scaligera Gian Paolo Marchi, che ha dato memoria della vita del Monsignore Turrini.

Leggi anche: Cosa fare a Verona e provincia, gli eventi di martedì 18 giugno 2024

Il commento dell’assessore Benini

«Dopo cinque anni dall’approvazione di questo nuovo toponimo, la città ha da oggi una piazzetta dedicata a Mons. Giuseppe Turrini, prefetto particolare di Verona, a cui dobbiamo il salvataggio, durante la seconda guerra mondiale, di diversi libri importanti presenti nella Capitolare che nel ’45 venne bombardata e distrutta. Questo luogo, vicino alla Capitolare, è quindi il più adatto per ricordarlo e dare memoria del valore della sua opera in difesa del patrimonio culturale della città».   

Piazzetta G.Turrini Biblioteca capitolare

Monsignore Giuseppe Turrini

Nato a Castelrotto di Valpolicella l’11 marzo 1889  e morto a Negrar il 16 gennaio 1978, dopo aver frequentato il Collegio Accoliti di Verona proseguì gli studi liceali e teologici al Seminario vescovile. Ordinato sacerdote nel 1911, nel febbraio del 1922 cominciò l’apprendistato alla Biblioteca Capitolare e il primo dicembre il Capitolo della Cattedrale lo nominò prefetto della biblioteca con il titolo di vice-bibliotecari.