"Una parata all'infinito" il nuovo libro di Nocini

VERONA – Con il 5° libro, scritto in questi ultimi anni, il giornalista sportivo veronese, di origine faentina,Andrea Nocini continua il viaggio "all’interno" dell’uomo (e della donna) per conoscere dalle loro preziose testimonianze da dove veniamo, che senso ha la libertà, la giustizia (temi trattati in questa fatica editoriale) e dove andremo a finire.

Da qui il titolo del libro presentato stamattina nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero: "Una parata all’infinito", dove per "parata" è una passerella di 73 numeri uno del mondo della Cultura, della Musica, della Chiesa, dello Sport, delle Olimpiadi, ed infinito è la domanda ultima di dove finiremo un giorno tutti – indistintamente – quando si spegneranno le luci della vita sulla nostra ribalta.

Dopo i temi di felicità, dolore, solitudine, ecco altri due temi (libertà e giustizia), che da sempre accompagnano la nostra esistenza.

"In questo volume ho raccolto testimonianze di moltissimi personaggi, alcuni rappresentanti del mondo dello sport ma non solo, e ho cercato di affrontare con loro un tema estremamente difficile ma che ci riguarda tutti: quello dell’Aldilà, della sua esistenza, delle aspettative che ognuno di noi ha su di esso" spiega Andrea Nocini "Come nei quattro precedenti libri, non manca il riferimento al mondo del calcio, nel titolo si parla infatti di ‘parata’ all’infinito. Questo sport è da sempre una mia grande passione; in particolare amo il calcio dilettantistico, una realtà pulita in cui i ragazzi, dopo aver studiato tutto il giorno, trovano comunque il tempo e le energie per allenarsi senza ricevere alcun compenso".

E, come diceva il grande poeta-saggista romano, il Belli, "noi siamo tutti come chicchi di grano di caffè dentro un macinino!"

La redazione