Ubriachi e violenti in mezzo alla strada: arrestati

Arrestati per  lesioni personali finalizzate alla resistenza a Pubblico Ufficiale, rifiuto di fornire le proprie generalità e danneggiamento aggravato i due romeni che ieri hanno buttato nel caos via del Pestrino.

Si sono messi in mezzo alla carreggiata e hanno iniziato ad infastidire gli automobilisti che vi transitavano rischiando anche la vita. Così due cittadini di origine romena di 28 e 41 anni sono stati arrestati ieri pomeriggio dagli agenti della Questura di Verona con le accuse sono quelle di lesioni personali finalizzate alla resistenza a Pubblico Ufficiale, rifiuto di fornire le proprie generalità e danneggiamento aggravato.

A richiedere l’intervento della Polizia diversi cittadini in transito in via del Pestrino, in particolare una donna che si era vista i due uomini intimare l’alt per poi avvicinarsi all’auto tentando di aprirne la portiera. Gli agenti, giunti sul posto, hanno notato immediatamente i due soggetti che, barcollando ubriachi in mezzo alla strada, oltre a mettere a repentaglio la propria incolumità, stavano costringendo gli automobilisti in transito a compiere pericolose manovre per evitare di investirli.

Affiancati e invitati a spostarsi a margine della carreggiata, i due si sono rifiutati di muoversi e di fornire le proprie generalità insultando i poliziotti, finchè si sono scagliati contro gli agenti per guadagnarsi la fuga. Bloccati da un poliziotto gli stranieri sono stati portati in Questura. Un viaggio movimentato durante il quale uno degli arrestati ha tentato di sfondare il pannello in plexiglass che divide la parte anteriore e posteriore della volante, mentre l’altro ha rotto il finestrino della portiera con un calcio.

Stamattina, durante la direttissima, il giudice ha convalidato l’arresto e disposto per il 28enne la misura cautelare del divieto di dimora nella Provincia di Verona e rinviato il processo il prossimo 18 febbraio.