Tutti vogliono Intel a Vigasio

Il Consiglio Provinciale unanime per sostenere l’insediamento di Intel a Vigasio. «Lo stabilimento rappresenterebbe un’enorme opportunità per Verona e il Veneto» secondo il presidente della Provincia Pasini. Anche il Pd spinge in Regione.

Intel Vigasio

Il Consiglio Provinciale ha approvato all’unanimità oggi pomeriggio, mercoledì 19 aprile nella Loggia di Fra’ Giocondo al Palazzo Scaligero, una mozione per sostenere Vigasio quale sito per l’insediamento di un nuovo stabilimento Intel.

Sul tema erano arrivate due proposte, poi convogliate nel documento unico votato oggi che impegna la Provincia ad appoggiare, nelle sedi opportune, ogni iniziativa che favorisca l’arrivo in territorio veronese della multinazionale statunitense che produce dispositivi a semiconduttore, microprocessori, componenti di rete, chipset, chip per schede video e molti altri circuiti integrati.

Nel dettaglio, la mozione esprime l’appoggio del Palazzo Scaligero al Governo e alla Giunta regionale del Veneto nella conduzione della trattativa già avviata e invita il Presidente della Provincia, al fine di giungere a una conclusione positiva, a porre in essere tutte le azioni politiche e amministrative che si rendessero necessarie anche nella fase precontrattuale.

«La Provincia non ha chiaramente competenza sulla scelta del sito, ma si occupa di aspetti quali l’urbanistica e l’adeguamento delle infrastrutture viabilistiche che sono senz’altro strategici per i territori e per l’insediamento stesso – ha affermato il Presidente Flavio Pasini –. Lo stabilimento rappresenterebbe un’enorme opportunità per Verona e il Veneto, perciò faremo quanto necessario, nelle sedi opportune, per sostenerlo. Ringrazio i Consiglieri per il voto unanime e i proponenti per l’attenzione dimostrata su un tema davvero rilevante per il lavoro e l’economia scaligera».

LEGGI ANCHE: Al Consorzio ZAI il Premio Verona Network 2024

Intel, Bigon e Zanoni (PD): «A che punto sono le trattative?»

Negli scorsi giorni avevano preso posizione anche i consiglieri regionali del PD Veneto Anna Maria Bigon e Andrea Zanoni che hanno presentato un’interrogazione sulla vicenda: «L’insediamento di uno stabilimento Intel nel Comune di Vigasio (VR) avrebbe evidenti riflessi positivi: in termini di valorizzazione dell’area, di quantità e qualità del personale impiegato, di effetti sull’indotto del tessuto produttivo e dei servizi dell’area della pianura veronese, pur dovendo considerare anche gli impatti ambientali e viabilistici, che andranno adeguatamente mitigati».

Gli esponenti dem ricordano che «l’UE ha adottato lo scorso anno l’European Chips Act, provvedimento che mira a rafforzare le tecnologie dei semiconduttori e le capacità di innovazione, garantendo la leadership europea in questo campo a medio e lungo termine. E sottolineano come “il Consiglio regionale nel gennaio scorso ha approvato all’unanimità una risoluzione per dare sostegno alla Giunta nell’accelerare la fase precontrattuale con Intel. Questo nell’ottica di favorire anche gli scambi commerciali nel mercato europeo».

Di qui la domanda finale per sapere a che punto sia la trattativa per l’insediamento della società Intel nel Comune di Vigasio.

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua