Traguardi sta già preparando le elezioni 2022 a Verona

Traguardi fissa già l’obiettivo alle elezioni amministrative del 2022. Oggi alle 12 è stata presentata la squadra che sta affiancando il lavoro del movimento civico in vista del prossimo appuntamento elettorale.

Traguardi fissa già l’obiettivo alle elezioni amministrative del 2022 a Verona. Oggi alle 12 è stata presentata la squadra che sta affiancando il lavoro del movimento civico in vista delle prossime elezioni.

Un gruppo di esponenti della società civile che già da qualche mese aveva sottoscritto il Manifesto per la ripresa, e che ora si mette a disposizione per un progetto politico condiviso in vista delle elezioni comunali del 2022.

«Verona ha bisogno di uscire dall’immobilismo in cui è bloccata e guardare finalmente al futuro» esordisce Tommaso Ferrari, consigliere comunale di Traguardi. «In anni in cui ogni cosa, in Italia e nel mondo, procede e si evolve sempre più velocemente, sta emergendo sempre più chiaramente quanto la nostra città sia ferma, incapace di intraprendere nuove strade e fare scelte strategiche a causa di una politica concentrata su scontri ideologici e lotte di potere».

«È ora di rimettere in moto la città, mettere a frutto le sue energie ancora sopite e iniziare a immaginare e costruire la città di domani, quella che vedremo fra trenta o cinquant’anni, quella che abiteranno i nostri nipoti. Per farlo è necessario partire dalla migliore risorsa di cui la città dispone: i Veronesi» continua Ferrari.

Traguardi presentazione Verona 2022
Traguardi presenta il progetto per le elezioni a Verona del 2022. Da sinistra Stefania Zivelonghi, Pietro Trincanato, Italo Sandrini, Tommaso Ferrari, Giacomo Cona, Donatella Gobbi, Carlo Rugiu, Alberto Butturini, Andrea Rossi, Massimo Babbi, Giorgio Mion, Beatrice Verzè

«Abbiamo lanciato un appello alla città per costruire insieme un progetto inclusivo e aperto, che esca dagli steccati ideologici del passato e metta al centro la società civile, la Verona che vive e lavora tutti i giorni nella e per la città, i cittadini di oggi ai quali non va giù l’idea di dover abitare in una città addormentata e immobile».

«Si tratta di un progetto che non ha precedenti in città – conclude Ferrari. Un laboratorio di idee aperto ed inclusivo fondato su valori chiari e un sincero impegno civico, per arrivare alle elezioni del 2022 con una candidatura forte, condivisa e vincente. C’è molto da fare, e questa squadra civica, composta da personalità che condividono con noi un’idea di città per il futuro, aperta a nuovi giocatori e nuovi contributi, è il primo passo».

Traguardi presentazione Verona 2022
Italo Sandrini e Tommaso Ferrari

«Verona gode ancora di una condizione privilegiata, ma il benessere, se non viene coltivato, si esaurisce – spiegano Donatella Gobbi, Giorgio Mion, Andrea Rossi, Carlo Rugiu, Italo Sandrini e Stefania Zivelonghi, che insieme ad altre personalità cittadine hanno risposto all’appello di Traguardi. Dobbiamo ricominciare a investire sulle potenzialità di Verona per dar vita a una città che offra opportunità a imprese e giovani, per ridare slancio a progetti infrastrutturali e per disegnare con lungimiranza la città dei prossimi 50 anni».

«Nuova linfa e nuove energie per affrontare i cambiamenti del nostro tempo: dalle conseguenze economiche e sociali della pandemia al tema delle nuove povertà, dalla necessità di imprimere slancio al nostro sistema produttivo tramite l’innovazione tecnologica sino all’enorme sfida ambientale che ci aspetta. Dossier su cui si gioca il governo della città nei prossimi anni ai quali non si può rispondere riciclando soluzioni e ricette politiche del passato».

«Per fare tutto questo occorre un progetto capace di rimettere in moto la città. Verona non ha bisogno dell’ennesimo “uomo solo al comando” o di cartelli elettorali, ma di adottare un nuovo metodo: per questo abbiamo deciso di rispondere all’appello di Traguardi. Ascolto e concretezza, progettualità e competenze, valori chiari e apertura verso nuove idee: sono questi i pilastri attorno ai quali strutturare una proposta politica per le prossime elezioni che aiuti a smuovere Verona dal pantano in cui è sprofondata».

«Come cittadini innamorati della nostra città, siamo convinti che per questo obbiettivo ambizioso serva l’impegno di tutti, a partire dal nostro. Per questo, dopo aver condiviso lo spirito del Manifesto di Traguardi, oggi siamo qui per impegnarci in prima persona nella costruzione di una squadra civica e dare il via ad un nuovo progetto per Verona».

«L’obbiettivo è il 2022: in questo anno e mezzo ci aspetta molto lavoro per costruire una proposta solida e condivisa – conclude Ferrari. Le idee e le energie per partire ci sono già: siamo fiduciosi che molti risponderanno al nostro appello!».

Sono intervenuti:

  • Tommaso Ferrari – Consigliere Comunale Traguardi
  • Italo Sandrini – Avvocato e presidente delle Acli di Verona
  • Carlo Rugiu – Medico e presidente dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Verona
  • Stefania Zivelonghi – Dottoressa Commercialista
  • Andrea Rossi – Medico
  • Donatella Gobbi – Avvocato
  • Giorgio Mion – docente dellUniversità di Verona

Presenti inoltre i membri di Traguardi Pietro Trincanato, Massimo Babbi, Giacomo Cona e Beatrice Verzè.