Tosi: «Aiuti Covid alle associazioni poco fruibili»

L'ex sindaco Flavio Tosi e il consigliere Alberto Bozza esprimono la loro opinione in merito agli aiuti Covid alle associazioni previsti dall'amministrazione Sboarina: «Il bando esclude le Associazioni e le Organizzazioni non registrate, nonché le Associazioni sportive dilettantistiche, autentico polmone veronese».

L’ex sindaco Flavio Tosi e il consigliere Alberto Bozza esprimono la loro opinione in merito agli aiuti Covid alle associazioni: «Qui si misurano i limiti della politica di Sboarina che prima destina seicentomila euro complessivi – una cifra apparentemente consistente, ma in realtà limitata vista la miriade di realtà veronesi a cui lo stesso Comune non ha annullato o ridotto i canoni d’affitto sugli immobili e le utenze – poi fa uscire un bando di soli dieci giorni e con procedura solo online che esclude dai contributi tantissime associazioni e società sportive e anche un buon numero di onlus, di organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale». I soggetti ammessi al bando infatti sono solo le Organizzazioni di volontariato (Odv) e le Associazioni di promozione sociale (Aps) iscritte al Registro regionale, e le Onlus registrate alle agenzie delle entrate.

«Bene sicuramente per chi riesce ad entrarci, data l’importante attività svolta dalle nostre associazioni di volontariato – dicono Tosi e Bozza – ma non possiamo non considerare che, per come è concepito, il bando esclude purtroppo le Associazioni per la promozione sociale e le Organizzazioni di volontariato non registrate o a cui è scaduta la registrazione, registrazione che, va ricordato, non è obbligo di legge. E ciò significa escludere le Associazioni sportive dilettantistiche, autentico polmone veronese, che spesso non figurano come Aps. Una discriminazione incomprensibile se pensiamo che molte di queste gestiscono impianti sportivi comunali».

Leggi anche: Cgia: «Con gli aiuti di stato, vantaggi per chi aveva già prestiti prima del Covid»

Tosi e Bozza poi sottolineano: «Il Comune poi non ha nemmeno ridotto le spese fisse di tutte le associazioni, pensiamo a canoni su immobili comunali o la tassa dei rifiuti. Era il minimo dato che quegli immobili da marzo sono stati utilizzati pochissimo tra lockdown e limitazioni. Noi per esempio avevamo proposto di annullare tutti i canoni d’affitto di immobili e impianti sportivi comunali per le associazioni del sociale, quelle culturali e sportive. Da Sboarina nulla di tutto questo».

Proseguono: «Il bando peraltro è velocissimo, di soli dieci giorni e con procedura solo online, neanche si volesse scoraggiare la presentazione delle domande. Pensiamo alle associazioni di anziani che si devono mettere a scansionare una serie di documenti e presentare tutto in pochi giorni per ricevere ciò di cui hanno diritto».

Tosi e Bozza concludono: «Siamo di fronte alla solita limitata visione dell’amministrazione Sboarina. Un Sindaco che non vede le vere necessità, anzi fa di tutto per complicare la vita e mettere ancor più in difficoltà interi comparti del volontariato già colpiti da una crisi drammatica».

Leggi anche: Flavio Tosi candidato a sindaco per Verona 2022