Tornano (online) gli incontri di automutuo aiuto

L’obiettivo degli incontri, rivolti agli amministratori di sostegno, è quello di favorire il confronto, la mutualità generativa, lo scambio tra pari sulle funzioni a partire dalla propria esperienza.

Anziani badante badanti test Covid-19

Tornano gli incontri virtuali dei gruppi di automutuo aiuto in amministrazione di sostegno organizzati dall’ULSS 9 Scaligera. La figura dell’amministratore di sostegno, nel rispetto della sussidiarietà, solidarietà e del diritto alla salute, supporta le persone con un’infermità o una menomazione fisica o psichica il cui effetto determini una limitazione a provvedere ai propri interessi anche in via temporanea e parziale.

L’obiettivo del gruppo virtuale in remoto, rivolto agli amministratori di sostegno (famigliari, conoscenti, volontari), è quello di favorire il confronto, la mutualità generativa, lo scambio tra pari sulle funzioni a partire dalla propria esperienza. Nel gruppo sarà presente un facilitatore di gruppo con il compito di aiutare il confronto e la condivisione delle esperienze tra i partecipanti. 

Gli incontri si terranno lunedì 16 novembre, lunedì 30 novembre e venerdì 11 dicembre, dalle ore 17.00 alle 18.00.

Tutti gli incontri si svolgeranno su piattaforma “Google Meet”, attraverso invito inviato all’email indicata all’atto di iscrizione. Per iscriversi, scrivere a: daniele.venturini@aulss9.veneto.it .

I gruppi di automutuo aiuto in amministrazione di sostegno, attivati nel 2019, si sono ritrovati dapprima in presenza nel periodo precedente l’emergenza sanitaria e viste le richieste successive si è sperimentata poi con buon riscontro anche la modalità in remoto. La figura dell’amministratore di sostegno è prevista dalla L. n. 6/04 e dalla L.R. Veneto n. 10/17. Con le D.G.R. Veneto n. 241/18 e n. 337/18 poi nel voler perseguire quanto sopra a favore delle persone beneficiarie di tale istituto giuridico, si è voluto creare anche l’opportunità di momenti di confronto e mutualità tra gli amministratori di sostegno. L’idea pertanto nasce dal voler dare un’opportunità agli amministratori di sostegno di confrontarsi tra pari, dare spazio all’ascolto e alla valorizzazione dell’esperienza, supporto e condivisione nella gestione degli atti da compiere previsti dal decreto di nomina e delle relazioni quotidiane con il beneficiario e i diversi attori che ruotano attorno a questa figura anche in tempi di emergenza sanitaria.