Tesi contro la sperimentazione animale, arriva il premio laurea

Il comune di Verona e l'Università scaligera si sono unite per promuovere un premio di laurea per la migliore tesi su metodologie alternative alla sperimentazione animale.

La migliore tesi di laurea su metodologie alternative alla sperimentazione animale sarà premiata con un premio del valore di 1500 euro messo a disposizione dal Comune. Il bando sarà pubblicato a gennaio, potranno concorrere le tesi di laurea redatte dal 2015 al 2021 da studenti dei Corsi di laurea di Medicina o di Biotecnologie dell’Università di Verona, che saranno valutate da una commissione ad hoc composta da rappresentanti delle istituzioni e dell’ateneo veronese. Sarà premiata anche le tesi classificata seconda (mille euro).

Nonostante l’attività di ricerca scientifica effettuata dall’Università di Verona abbia sempre rispettato in modo rigoroso sia la normativa europea che la legislazione italiana, che pongono entrambe paletti precisi sull’utilizzo degli animali ai fini della sperimentazione, è forte ora la volontà di andare oltre il dettato normativo, cogliendo la sensibilità comune di una maggiore tutela animale. L’obiettivo, che Comune e Ateneo intendono perseguire insieme, è quello di trovare un nuovo punto di equilibrio tra le necessità della ricerca e il rispetto del benessere animale, considerato anche che i mezzi alternativi all’uso di cavie animali in laboratorio ci sono e l’Università di Verona li sta già utilizzando. Una sintesi che ancora una volta vede insieme l’Amministrazione del sindaco Federico Sboarina e l’Ateneo guidato dal rettore Pierfrancesco Nocini.

Questo è solo l’ultimo degli intenti comuni tra le due istituzioni, a prosecuzione del forte dialogo e della concreta collaborazione avviata tra i due enti, e che l’emergenza sanitaria non ha fatto che rafforzare. L’iniziativa è stata illustrata ieri nel punto stampa in streaming dal sindaco Federico Sboarina insieme al consigliere delegato alla Tutela degli animali Laura Bocchi. In collegamento video ha partecipato la pro rettrice vicaria, Donata Gottardi

«Con il rettore Nocini c’è una sintonia e una condivisione di intenti che aumenta con il passare del tempo – ha detto il sindaco-. Lo dimostrano i numerosi progetti e le attività comuni portate avanti in questo anno e mezzo, su temi traversali che hanno come comune denominatore il bene del territorio e dei suoi cittadini. Sul tema specifico, l’appoggio dell’Università assume ancora più valore, visto che il professor Nocini è anche uomo di ricerca, che ben conosce le dinamiche legate alla sperimentazione animale. Un punto di equilibrio tra le necessità della ricerca, che oggi più che mai resta fondamentale e dalla quale non si può prescindere, e quelle del rispetto della vita degli animali, è oggi non solo d’obbligo ma anche possibile. Il nuovo premio di laurea va proprio in questa direzione». 

«In questi tre anni il Comune ha raggiunto importanti risultati sul fronte della tutela e del rispetto degli esseri animali – ha detto il consigliere Bocchi-. E’ di pochi giorni fa l’approvazione da parte del Consiglio comunale della revisione del Regolamento per il benessere degli animali, un testo che introduce normative innovative che e fanno di Verona un esempio a livello italiano. Tra queste, vi è anche l’attenzione all’uso sperimentale degli animali ai fini della ricerca, una pratica che oggi trova il dissenso della maggior parte della popolazione e su cui il Comune intende sensibilizzare attraverso l’istituzione del premio di laurea ‘Animal free- per una ricerca sostenibile’». 

«Bene coinvolgere le nuove generazioni, che su questi temi sono ancora più attenti – ha detto il vice rettore Gottardi -. Su questo ambito di ricerca, è opportuno andare oltre il dettato normativo e spingere sempre di più verso l’innovazione, dalla quale arrivano risposte confortanti e alternative che possiamo già mettere in atto. I giovani su questo hanno una marcia in più, a noi il compito di spingerli verso le frontiere della responsabilità sociale».