Terremoto Turchia-Siria, per gli aiuti pronte squadre anche dal Veneto

Il conto ha superato ormai le 2300 vittime. È partita la macchina europea e nazionale della Protezione civile, anche il Veneto è pronto a fare la sua parte.

Turchia terremoto
New call-to-action

«Esprimo il dolore e la vicinanza di tutto il Veneto alle popolazioni turche e siriane colpite dal devastante terremoto della notte. Se richiesto, siamo pronti ad attivare la nostra Protezione civile regionale per portare aiuto, in coordinamento con quelle che saranno le indicazioni del Dipartimento Nazionale». Lo dichiara il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.

LEGGI ANCHE: Case di riposo, Bozza: «Dati impietosi». Bigon: «Necessaria riforma»

«Personale sanitario specializzato in maxi emergenze del SUEM della Regione Veneto, medici e infermieri, è pronto a partire verso le zone colpite dal terremoto. Si tratta di operatori formati per operare con il team USAR dei Vigili del Fuoco, i tecnici del Corpo addestrati per la ricerca e il recupero delle persone sepolte dalle macerie, con il compito di fornire l’assistenza sanitaria alle vittime».

«La prima squadra è al momento in stand by, pronta a muovere verso le zone colpite, secondo le indicazioni della Protezione Civile nazionale».

LEGGI ANCHE: Ztl a Verona: si alza la tensione contro il piano del Comune