Tenta furto da “Zara” in centro città, arrestato un 20enne

Ha tentato di fuggire con addosso due t-shirt rubate; e per farlo, ha picchiato l’addetto alla sorveglianza che si era accorto del furto. È accaduto nel primo pomeriggio di ieri, intorno alle 13.30, nel negozio “Zara” di via Mazzini: il responsabile, un ragazzo ventenne, è stato arrestato con l’accusa di tentata rapina impropria.

Il ragazzo, un ventenne originario della Tunisia, aveva sottratto due magliette e, dopo aver rotto le placche antitaccheggio, le aveva nascoste tra i suoi vestiti nella speranza di riuscire a fuggire senza dare nell’occhio. Sfortunatamente il giovane è stato beccato dal vigilante che, comprese le sue intenzioni, lo ha fermato. Non si è arreso, tuttavia, A.A.L. che ha colpito con una testata l’addetto alla security ed ha tentato in tutti i modi di scappare con la refurtiva.

Di li a poco, gli agenti delle Volanti sono intervenuti ed hanno preso in consegna il cittadino che è finito in manette con l’accusa di tentata rapina impropria. Gli accertamenti effettuati dai poliziotti presso gli Uffici di Lungadige Galtarossa hanno consentito di appurare che il giovane era già gravato da numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio e non era in regola con la normativa che disciplina il soggiorno degli stranieri sul territorio nazionale, motivo, quest’ultimo, per il quale è stato immediatamente segnalato al competente ufficio Immigrazione della Questura.

Questa mattina il giudice ha convalidato l’arresto e dato il nulla osta all’espulsione.