Tajani a Verona: “L’Ue c’è per il Veneto”

“L’italia deve chiedere  di attivare il fondo europeo di solidarietà, presentando il bilancio dei danni subiti entro 12 settimane”. L’ha detto oggi a Verona Antonio Tajani,il presidente del Parlamento Europeo.

L’Ue si è già messa a disposizione dell’Italia e delle regioni colpite dal disastro ambientale, l’ha ribadito oggi nella città scaligera Antonio Tajani che ha poi elencato tutti gli step del caso: “L’Italia deve richiedere di attivare il fondo europeo di solidarietà, deve presentare il bilancio dei danni subiti entro 12 settimane dalla fine dell’evento. Per ottenere l’accesso al fondo di solidarietà bisogna che i danni superino i 3 miliardi di euro, oppure lo 0,6% del Pil”. Cifre che purtroppo il Veneto ferito può tristemente vantare. “In  più le regioni possono utilizzare i fondi europei a loro destinati, chiedendo autorizzazione alla Commissione Europea per investirli direttamente nella ricostruzione per risolvere i problemi causati dagli eventi climatici” ha concluso il presidente del Parlamento Europeo. Non mancano però le novità “invece del 50%, il cofinanziamento sarà del 5%. Significa che le regioni hanno denaro ’cash’ per investire immediatamente al fine di alleviare le sofferenze delle popolazioni colpite dal cataclisma che ha devastato tutta l’Italia”.