Studenti veronesi verso Palermo sulla “Nave della Legalità”

Saranno alcuni studenti veronesi a rappresentare il Veneto al concorso nazionale Angeli custodi contro la mafia. Nell’ambito del progetto Se non noi, chi? Se non adesso, quando?, la classe IVB dell’Istituto tecnico “Marie Curie” di Bussolengo, ha infatti aderito al concorso nazionale “Angeli custodi: l’esempio del coraggio, il valore della memoria”, indetto dalla Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone” in collaborazione con il M.I.U.R. Una delegazione di studenti arriverà il 22 maggio a Palermo dove oltre a concorrere al premio nazionale, rappresenteranno tutti gli studenti delle scuole superiori del Veneto.

Salperanno sulla “Nave della Legalità” Beatrice Giacomazzi, Francesco Girardi, Alessia Morando ed Anna Penna, gli studenti della classe IVBB dell’ITC “Marie Curie” di Bussolengo che, nell’ambito del progetto Se non noi, chi? Se non adesso, quando? ha aderito al concorso nazionale Angeli custodi: l’esempio del coraggio, il valore della memoria. L’iniziativa, indetta dalla Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone” in collaborazione con il M.I.U.R, ha visto i giovani veronesi risultare vincitori della fase regionale.

Il concorso continuerà ora a Palermo, dove i ragazzi arriveranno insieme alla coordinatrice dell’istituto, la prof.ssa Stefania Lombardo, a bordo della “Nave della Legalità” che salperà il 22 maggio da Civitavecchia. Nel capoluogo siciliano i ragazzi, oltre a concorrere al premio nazionale, rappresenteranno tutti gli studenti delle scuole superiori del Veneto, nelle manifestazioni che si terranno il 23 maggio presso l’Aula Bunker ed i cortei promossi in città, al fine di commemorare il XXVI anniversario della Strage di Capaci.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.