Strutture ricettive, arriva la proroga per il rinnovo della classificazione

Sarà prorogata al 31 marzo 2019 la scadenza per la presentazione delle domande per il rinnovo della classificazione delle strutture ricettive. Il caso, che riguardava oltre 200 strutture inadempienti, era stato segnalato proprio dalla nostra redazione alla Provincia di Verona e sarà domani oggetto di un servizio di approfondimento.

Più tempo per gli operatori per richiedere il rinnovo della classificazione delle strutture ricettive ai sensi della Legge Regionale 11 del 2013. Tirano così un “sospiro di sollievo” tutti gli oltre 200 alberghi, appartamenti e bed & breakfast di Verona e Provincia che da mesi erano bloccati in un limbo burocratico.

Il Consiglio Regionale ha infatti approvato ieri un emendamento proposto dal Consigliere Alessandro Montagnoli – successivo ad una segnalazione della Provincia di Verona – che proroga al 31 marzo 2019 la scadenza, precedentemente fissata al 31 marzo 2018, per la presentazione delle domande per il rinnovo della classificazione delle strutture ricettive.

La Provincia a luglio aveva comunicato ai Comuni, come previsto dalla stessa legge regionale, la lista delle strutture che non avevano presentato la domanda entro i termini. Un’inadempienza che imponeva, alle amministrazioni locali, la chiusura di oltre 200 hotel. Dopo una lettera firmata da diversi sindaci, operatori e Confcommercio per sostenere le piccole attività turistiche, il Presidente della Provincia di Verona, Manuel Scalzotto, aveva portato la questione alla sezione veneta dell’Upi (Unione delle Province), la quale si era fatta carico di un confronto con la Regione per cercare una soluzione.